Il sindaco Maura Forte

Il sindaco Maura Forte

Giornata convulsa, l’ennesima in questa settimana, per il primo cittadino di Vercelli, Maura Forte, alle prese con una crisi alle porte a causa di una maggioranza sempre meno coesa. Dopo l’interruzione, e successiva sospensione del Consiglio comunale, questa mattina, a causa della mancanza di numero legale dei consiglieri, ecco in serata la decisione di assumere in prima persona le deleghe dei due assessori di SiAmo Vercelli (Perfumo e Delsignore) che si erano dimessi nei giorni scorsi. Questo, probabilmente, per verificare nel fine settimana le strade possibili per scongiurare la crisi.

In serata è arrivata anche una dichiarazione ufficiale di Maura Forte: «Partirei dalle assenze al Consiglio comunale odierno, alcune delle quali mi erano state comunicate e che sono dovute a cause di forza maggiore (cure ospedaliere, permanenze all’estero ecc.). Altre sono state determinate da impegni professionali di alcuni consiglieri.

«Il mio rammarico – dichiara il sindaco – è nei confronti della Città che ha fretta di ottenere risultati e verso la quale non diamo un buon servizio interrompendo una seduta di Consiglio e spostando di parecchi giorni l’esame dell’ordine del giorno. Sottolineo, questo si, che il senso di responsabilità, a mio modo di vedere e di agire, deve contraddistinguere, sempre, tutti i consiglieri».

Sull’interruzione della seduta consiliare, Maura Forte fa poi riferimento ad episodi simili accaduti in passato: «Vorrei che non si dimenticasse che ci sono stati momenti analoghi durante la precedente amministrazione di centro destra e Corsaro aveva peraltro ritenuto di arginare tale eventualità con la doppia convocazione. Nessuno allora ne ha fatto un dramma. Non lo faccio neppure io. Mi sono assunta in prima persona le deleghe dei due assessori dimissionari sino a mie nuove nomine. La mia priorità è lavorare per Vercelli, visto che il 67,5% degli elettori mi ha dato questo compito, e continuo a farlo con il massimo impegno».