Due gli episodi scoperti dai carabinieri nel Vercellese

(c.c.) Occhio a chi propone di vendere cassette di frutta a prezzi particolarmente vantaggiosi offrendosi poi di portarla anche a casa. A Vercelli i carabinieri hanno fatto luce su alcuni episodi denunciati da persone anziane che, per come si erano svolti, presentavano tra loro numerose analogie. Due uomini, approssimativamente cinquantenni e con spiccato accento partenopeo, fermavano per strada persone anziane o si presentavano presso la loro abitazione proponendo di acquistare a poco prezzo delle cassette di frutta. Attirati dal possibile affare, i malcapitati mettevano mano al portafogli estraendo una o più banconote, comunque per un importo sempre superiore, al prezzo che era stato pattuito. Uno dei due malviventi, a quel punto, “strappava” dalle mani del suo interlocutore il denaro offrendosi di cambiarlo in pezzi di piccolo taglio, ma in realtà allontanandosi poi velocemente lasciando così il malcapitato senza soldi e senza frutta.

Allertati da questi episodi, i carabinieri del Comando compagnia di Vercelli, coordinati dal cap. Matteo Orefice, hanno allertato tutti i comandi territoriali e proprio ieri, a San Germano, una pattuglia ha fermato un furgone Doblò bianco, a bordo del quale viaggiavano due persone; il mezzo trasportava una decina di casse di frutta varia. Accompagnati in caserma per accertamenti, i due sono successivamente stati riconosciuti da una coppia di anziani che, alcuni giorni fa, aveva subito il furto di 150 euro con la tecnica appena descitta. I due sono così stati denunciati a piede libero (i termini di legge per l’arresto erano ormai trascorsi) per furto con strappo. Le indagini adesso sono state estese a tutto il Piemonte e alla Lombardia per verificare, come si sospetta, se siano stati denunciati episodi analoghi. Secondo gli invstigatori, i due fermati e denunciati farebbero parte di una banda che opera sul territorio con diversi “gruppi”, sempre di due persone, che utilizzano per gli spostamenti furgoni professionali del tipo “Doblò” o “Fiorino”.Le coppie, come èstato anche appurato nel corso delle indagini, non erano mai formate dalle stesse persone. I due episodi per il momento accertati dai carabinieri di Vercelli hanno fruttato in tutto 180 euro, ma al momento del fermo i due “pluripregiudicati” bloccati a San Germano avevano in tasca 980 euro.

Invitiamo dunque chi ci legge, soprattutto le persone anziane, vittime preferite di questi malintenzionati, a diffidare di proposte come quelle che abbiamo prima raccontato. Sicuramente nascondono il tentativo di rubare dei soldi.