Approvato dal Senato accademico l’avviso pubblico per far parte dell’organismo amministrativo

(c.c.) Con la prima seduta del Senato accademico nella sua rinnovata composizione, svoltasi lunedì 13 febbraio, l’Università del Piemonte orientale ha compiuto un ulteriore passo in avanti verso la nuova governance.

Tra i primi provvedimenti, in linea con quanto previsto dal nuovo Statuto di ateneo e dalla riforma “Gelmini”, il Senato ha approvato l’avviso pubblico per i candidati, sia interni sia esterni, a far parte del consiglio di amministrazione. La scadenza per presentare la propria candidatura è fissata al 29 febbraio 2012.

Il nuovo consiglio sarà composto dal rettore, da un rappresentante degli studenti e da 7 membri, 4 interni e 3 esterni, scelti in base al profilo professionale, alla qualificazione scientifica e culturale e a una comprovata competenza in campo gestionale.

I candidati esterni non dovranno essere stati docenti, dipendenti o studenti dall’Ateneo nei tre anni precedenti alla designazione, così come per tutta la durata del mandato.

A nominare i sette componenti del consiglio di amministrazione saranno: un’apposita commissione di selezione, che designerà due componenti esterni e due interni, il Senato accademico, che designerà due componenti interni e il rettore, che designerà l’ultimo componente esterno.

Il cda sarà il vero motore dell’Ateneo, poiché svolgerà le funzioni di indirizzo strategico, vigilerà sulla stabilità finanziaria e deciderà l’attivazione o la chiusura dei corsi di laurea.