Davide Luppi, buona la sua prova

Davide Luppi, buona la sua prova

Brutta battuta d’arresto per la Pro Vercelli, che cede il passo, in casa al Cittadella, una delle formazioni più in forma del momento. Uno 0-1 figlio sostanzialmente di un episodio e di una totale abulia offensiva dovuta all’assenza di Marchi per squalifica. Malissimo il suo sostituto Beretta e praticamente niente da raccontare nel corso di un primo tempo senza occasioni da gol.

Nella ripresa, la partita si ravviva: colpo di testa ravvicinato di Stanco al 57′ che costituisce i prodromi del vantaggio veneto, giunto al minuto 66: è ancora Stanco a ritrovarsi palla sul mancino da ottima posizione e a battere Russo con un gran tiro a giro, che colpisce entrambi i pali prima di insaccarsi inesorabilmente. La Pro, che dal 60′ gioca senza le indicazioni di mister Scazzola (espulso per proteste), si butta in avanti e all’80’ Luppi spreca un pericoloso batti e ribatti tardando il suggerimento ad un compagno di reparto meglio appostato. Lo stesso ex Modena, dopo un pallone rubato e servitogli da Coly in forcing, si ritrova a tu per tu con Pierobon, il quale però è abilissimo a respingere la conclusione dell’attaccante leonino. Ci prova anche Musacci: bella iniziativa di Belloni sulla destra e e tiro di prima intenzione del neoentrato Musacci che sfiora il palo più lontano. La Pro è generosa ma rischia di soccombere: alla fine si sacrifica Scaglia, che si becca il rosso dopo un placcaggio sul lanciatissimo Kupisz che, tutto solo, avrebbe certamente insaccato. Sulla punizione dal limite conseguente, Russo salva in intervento plastico su Benedetti  con positivi riflessi anche in prospettiva di un eventuale scontro diretto. Tornando però al presente, quella contro il Cttadella tra le mura amiche è una sconfitta davvero pesantissima per i leoni, chiamati all’immediato riscatto sabato prossimo in quel di Frosinone.

(Corriere Eusebiano)