E la Regione conferma il sostegno finanziario alla mostra 2013 dedicata alla Pop Art.

Radio City – La città che vive e Corriere Eusebiano sono stati media partner dell’evento di chiusura della mostra Guggenheim

(c.c.) Si è chiusa domenica scorsa la mostra allestita in Arca con le opere di Mirò, di Calder, di Mondrian e delle collezioni Guggenheim. Grande successo di pubblico (abbondantemente oltre le 30 mila presenze) e di critica per questa iniziativa promossa dal Comune di Vercelli in collaborazione con la Fondazione Guggenheim di Vernezia e intanto la Regione conferma il sostegno alla mostra del prossimo anno “Stati Uniti – Europa: gli anni Sessanta nelle Collezioni Guggenheim”. Ieri a Torino c’è ststo un incontro tra l’assessore alla Cultura Piergiorgio Fossale, il suo omologo regionale Michele Coppola e il consigliere regionale Luca Pedrale e al termine Coppola ha confermato l’impegno della Regione Piemonte a farsi carico del progetto artistico, del trasporto e dell’assicurazione delle opere. La gestione della nuova esposizione, dedicata agli artisti della Pop Art e, in partyicolare ad Andy Warrol, sarà affidata invece, tramite appalto, ad una ditta esterna.

La cerimonia di chiusura della mostra 2012, anticipata a sabato, ha visto l’esibizione della Vallotti jazz Big Band diretta da Alberto Mandarini, formazione orchestrale del dipartimento jazz dell’istituzione civica vercellese. Grandi applausi anche per l’esibizione del quartetto Mandarini, Tione, Profeta e Petrelli, jazzisti tra i più apprezzati a livello nazionale e insegnanti nel dipartimento. L’evento ha avuto come media partner Radio City – La città che vive e Corriere Eusebiano.