A spasso nel Novarese. Guida per giovani turisti

A spasso nel Novarese è una guida per giovani turisti che racconta un viaggio nel nostro territorio, è una storia colorata e divertente che ha come protagonisti personaggi animati legati alla nostra tradizione, è una narrazione che allo stesso tempo sa essere ricca di storia, informazioni, nozioni, curiosità sul patrimonio artistico, naturalistico e culturale raccontato in modo semplice e chiaro.

Nel realizzare questo progetto, fortemente voluto per sensibilizzare le nuove generazioni sulle ricchezze del Novarese, si è scelto un linguaggio figurativo e testuale coinvolgente per imparare divertendosi.

Si vuole infatti sviluppare nei ragazzi che qui vivono il senso di appartenenza e di interesse al proprio territorio perché divengano a loro volta ambasciatori del Novarese, nei ragazzi invece che giungono più da lontano vorremmo stimolare la loro curiosità, così da guidare gli uni e gli altri alla scoperta di tutte le bellezze dei nostri luoghi.

L’opuscolo pensato in particolare per i ragazzi dai 7 ai 12 anni, può essere un utile strumento anche per gli insegnanti e le famiglie che vogliano presentare e far conoscere il territorio.

E’ in distribuzione gratuita presso la sede dell’Ufficio ATL della Provincia di Novara, in baluardo Q. Sella, 40 a Novara.

Per informazioni:
Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara
B.do Q. Sella, 40 – Novara; tel. 0321 394059 – info@turismonovara.it
www.turismonovara.it

Museo Leone: con “Dedalo” a favore della salute

Il Museo Leone partecipa al progetto Dedalo, un tavolo di lavoro collaborativo il cui ente capofila è l’A.S.L. di Vercelli, attorno al quale si progettano attività e iniziative a favore della salute. Ma soprattutto Dedalo è un progetto che propone ai cittadini vercellesi iniziative per aiutarli ad occuparsi della propria salute attraverso la corretta alimentazione, il muoversi insieme, la cultura e la scoperta del territorio. E per non dimenticare di allenare anche la mente, Dedalo propone il “Percorso della Meraviglia e dello Stupore” che coinvolge i musei vercellesi in speciali visite dedicate.
A questo proposito il Museo Leone, sabato 26 maggio alle ore 17.30, attraverso i suoi servizi educativi, propone un percorso dal titolo “Museo Leone anni ’30”, che si rivolge a singoli fruitori adulti, anziani e gruppi, centri e case di riposo, per osservare da un nuovo punto di vista un modello ormai unico in Italia di allestimento museale degli anni ’30 del Novecento. Modi diversi di percepire lo spazio e le peculiarità di un messaggio culturale. Essere visitatori nel 1939, esserlo oggi.
La visita si terrà su prenotazione al raggiungimento di almeno 10 partecipanti, il costo è di 10 euro con guida interna del Museo gratuita.
Il secondo appuntamento, sempre condotto dagli operatori didattici del Leone, è invece al MAC – Museo Archeologico Città di Vercelli, in Corso Libertà 300, giovedì 7 giugno, a partire dalle 17.30, con il percorso dal titolo “Vercelli 2000 anni fa”, grazie al quale i reperti archeologici provenienti dalla città permetteranno ai visitatori di stupirsi nel ritrovare una Vercelli romana ricca ed articolata. Con l’aiuto di una grande mappa e di modelli di edifici antichi, sarà possibile visualizzare i luoghi cittadini che hanno restituito antiche memorie. Anche il costo della visita al MAC, comprensivo della guida, è di 10 euro e l’evento si terrà su prenotazione al raggiungimento di almeno 10 partecipanti.

Per prenotazioni e informazioni si può telefonare allo 0161-649306 oppure al 3483272584 o scrivere a didattica@museoleone.it

Quale futuro per il lavoro nel mondo 4.0

Il secondo Incontro UCID per il ciclo “Quale futuro per il lavoro nel mondo 4.0” si terrà questo pomeriggio alle ore 18.

Questo appuntamento, sempre presso la bellissima sala del Parlamentino dell’Ovest Sesia in via Duomo, 2 a Vercelli avrà come titolo “Innovazioni tecnologiche e prospettive occupazionali”.
L’obiettivo di questi incontri è quello di esplorare gli impatti che l’innovazione tecnologica e digitale stanno determinando, tanto sul mercato del lavoro e sui livelli occupazionali, quanto nella vita quotidiana delle persone. Si intende così favorire una maggiore consapevolezza dei problemi, la necessità di operare scelte, sia culturali che politiche ed economiche, in grado di promuovere uno sviluppo socialmente equo e sostenibile, con attenzione anche alla realtà vercellese.

Sollecitati dal Direttore del Corriere Eusebiano Luca Sogno, porteranno la loro esperienza due importanti relatori:
Jolanda Restano, laureata in farmacia dopo essere stata ricercatrice presso l’Istituto Mario Negri, per stare vicina ai figli Matilde, Tommaso e Aurora comincia a dedicarsi ad internet fino a fondare FattoreMamma, società di servizi di marketing e comunicazione in grado di creare relazioni fra i brand e le mamme.
Davide Vidotto, Direttore del Consorzio Univer di Vercelli, nonché responsabile del Polo di innovazione regionale Clever (Energy and Clean Technologies), ha coordinato numerosi progetti, anche internazionali per favorire il raccordo tra sistema universitario e quello delle imprese.