Biella: nella Giornata Europea della Logopedia gli specialisti hanno aiutato i pazienti e i loro familiari

I relatori del convegno che si è tenuto ieri a Biella

(r.l.) Balbuzie: parole in libertà. E’ questo il titolo della conferenza serale durante la quale, ieri, Lia Rusca, direttore della struttura di Medicina Riabilitativa, Barbara Orlandi e Anna Zana logopediste del Centro di riabilitazione Giovanni XXIII di Lessona, Guido Fusaro direttore dell’Area Materno Infantile e Franco Piunti, direttore sanitario dell’ASL BI, hanno spiegato quali sono i percorsi riabilitativi che aiutano a vincere la balbuzie, un problema del ritmo della parola che impedisce di parlare in modo fluido. Numerose telefonate sono arrivate, poi, al numero telefonico della sala logopedia dell’Ospedale degli Infermi di Biella dalle 8 alle 17. Le logopediste hanno risposto ai quesiti dei pazienti e hanno dato consigli utili: per esempio hanno spiegato come parlare con il proprio bambino se soffre di balbuzie o come capire se è balbuziente o disfluente, cioè se ripete o prolunga parti della parola. Generalmente la balbuzie si manifesta nei bambini tra i 3 e i 5 anni e deve essere curata in modo adeguato per evitare che persista anche nell’età adulta. Dopo il trattamento logopedico, che ha durata individuale, il 75-80 per cento dei pazienti risolve il problema della balbuzie.

 

 

Provincia di Novara: riapre l’Ufficio provinciale per il Sostegno alle Imprese

Le autorità presenti alla conferenza stampa per la riapertura dello Sportello USI

(r.l.) Dopo il primo anno di attività sperimentale riapre lo Sportello “Ufficio Sostegno Imprese”, il servizio ideato dalla Provincia di Novara per agevolare la nascita di nuove attività imprenditoriali e indirizzare le aziende che intendono avvalersi di contributi pubblici. La nuova gestione di “Usi” sarà affidata alle associazioni di categoria attraverso l’Ati NuovoLavoro, con un finanziamento provinciale di 17 mila euro. “La principale mission dello Sportello Usi è quella di accompagnare aspiranti imprenditori e lavoratori autonomi nel loro percorso iniziale, supportandoli attraverso percorsi personalizzati, mirati a fornire tutte le informazioni necessarie di consulenza nella fase di start up”, ha spiegato l’Assessore provinciale al Lavoro, Giuseppe Policaro. “Grazie a questo percorso innovativo – ha continuato Policaro – il Novarese si è distinto per capacità di intercettare i fondi a disposizione dell’imprenditoria, ponendosi al primo posto, assieme ad Alessandria, tra le Province più performanti in base al rapporto tra numero di imprese e finanziamenti erogati”. Sono oltre 400 le persone che durante lo scorso anno si sono rivolte agli uffici di Novara in via Greppi. “Un riscontro destinato ad aumentare esponenzialmente fornendo le consulenze gratuite anche presso i 28 sportelli Nuovolavoro dislocati su tutto il territorio provinciale, grazie alla collaborazione con le associazioni di categoria”, ha commentato Policaro. Continua >

Confesercenti Vercelli: un progetto per promuovere l’innovazione tecnologica

«Con “Tutor aziendale” – ha spiegato il presidente dell’organizzazione di categoria di Vercelli e Valsesia, Antonio Gobbato – abbiamo cercato di dare agli associati nuovi strumenti per superare la crisi». Pc “laptop” in omaggio e corsi gratuiti a cominciare dall’alfabetizzazione informatica

Germana Fiorentino consegna un laptop ad un associato

(c.c.) L’innovazione tecnologica può fornire alle aziende gli strumenti giusti per affrontare meglio la crisi. Ne è convinto il presidente di Confesercenti Vercelli-Valsesia, Antonio Gobbato, che martedì scorso ha consegnato ad una ventina di associati altrettanti pc portatili. In tutto saranno forniti 80 laptop.

«Oggi – dice Gobbato – quello dell’innovazione tecnologica è un percorso che non può più essere ignorato dalle aziende commerciali. La posta certificata, la firma digitale, i pagamenti elettronici, gli ordinativi su foglio di calcolo, le operazioni di contabilità anche le più semplici sono adempimenti che tutti devono saper fare perché sono ormai entrati nella pratica quotidiana. Per questo abbiamo pensato di regalare il laptop a quegli associati che hanno scelto di rinnovare, a prezzo bloccato, l’adesione a Confervizi, la nostra società che si occupa di paghe e contabilità. In questo modo raggiungiamo anche noi un obiettivo importante: la fidelizzazione del nostro associato».

Questo progetto è stato chiamato “Tutor aziendale” e prevede, per chi lo ha seguito, anche la possibilità di frequentare gratuitamente dei corsi di formazione, dall’alfabetizzazione informatica agli step successivi, realizzati dalla Provincia di Vercelli.