Mons. Giuseppe Versaldi nominato Prefetto degli Affari economici della Santa Sede

Mons. Versaldi, attuale vescovo di Alessandria

(c.c.) Mons. Giuseppe Versaldi, vescovo di Alessandria e per molti anni vicario generale della diocesi di Vercelli, è stato nominato presidente della Prefettura degli Affari economici della Santa Sede.

La nomina del Santo Padre porta la data del 21 settembre e conferisce a mons. Versaldi la dignità di arcivescovo. Prima di lui la presidenza della Prefettura degli Affari economici della Santa Sede, in pratica l’organo che sovraintende alla correttezza della macchina finanziaria vaticana – un ruolo quindi estremamente delicato e di grande responsabilità – era retta dal cardinale De Paolis, che ha rinunciato all’impegno.

Mons. Versaldi, a lungo, come già ricordato, vicario generale della diocesi di Vercelli prima con il card. Tarcisio Bertone, oggi Segretario di Stato, poi con mons. Enrico Masseroni, suo successore ed attuale arvivescovo di Vercelli, lascerà con ogni probabilità la sede episcopale di Alessandria per trasferirsi a Roma data l’importanza dell’incarico che andrà a ricoprire.

Presentata Forlener: foresta, legno, energia

Da sinistra: Marco Disderi (Publikompass, media partner), Fausto Governato Greggio (Assessore Ambiente Provincia di Biella), Elena Agazia (Paulownia Italia, organizzatrice Forlener), Marco Trada (Edilnol, partner evento)

(p.r.) Si è tenuta, a Cascina Era di Sandigliano (BI), la presentazione di Forlener, la principale fiera italiana della filiera foresta-legno-energia, che si terrà nei padiglioni di Biellafiere a Gaglianico (BI) dal 23 al 25 settembre 2011.

Informazioni su: www.forlener.it

[soundcloud url=”http://api.soundcloud.com/tracks/24484186″]

Palazzo Centoris di Vercelli: tornano alla luce antiche mura romane

L'interno di Palazzo Centoris a Vercelli

(c.c.) Riparte in questi giorni il cantiere per il recupero conservativo di Palazzo Centoris, storico edificio di Vercelli, tra gli esempi più belli dell’architettura bramantesca ancora conservati in città. Edificato verso la fine del XV secolo, conserva testimoianze pittoriche di assoluto pregio.

Circa tre mesi fa, il cantiere attivato dal Comune per la realizzazione dei lavori di consolidamento ormai indifferibili si era fermato a causa di problemi della ditta appaltatrice. La situazione è stata consensualmente risolta e adesso, grazie alle norme che, in questi casi, consentono l’affidamento dei lavori a ditte di fiducia evidando così di dover ripetere l’intero iter amministrativo per l’affidamento dell’appalto, sarà possibile riaprire il cantiere di corso Libertà e, quindi, proseguire gli interventi conservativi. Nel frattempo, sono venuti alla luce i resti di antiche nura romane, reperti di pregio che hanno portato all’apertura nel sito di un nuovo cantiere archeologico.