Canale Cavour: il governo media tra i consorzi irrigui

Il sottosegretario alle Politiche agricole Franco Braga ha incontrato venerdì, in prefettura, i vertici di Ovest Sesia, Este Sesia e Baraggia. Con i ribassi d’asta di lavori già assegnati ai consorzi saranno finanziati gli interventi alla rilevata Dora

Il sottosegretario Franco Braga (a sinistra) accanto al prefetto di Vercelli  Salvatore Malfi

(c.c.) I ribassi d’asta salveranno il Canale Cavour. C’è un punto, la cosiddetta “rilevata Dora” che, per usare le stesse parole dei tecnici, “fa acqua da tutte le parti e, senza adeguati interventi, potrebbe causare anche gravi problemi di natura ambientale”. Questo rischio era già stato denunciato qualche mese fa dai vertici dell’Ovest Sesia e l’allora sottosegretario all’Agricoltura, Roberto Rosso, si era fatto promotore della stessa idea poi avallata, con l’accordo di tutti, venerdì scorso durante un incontro in prefettura con il sottosegretario alle Politiche Agricole, Franco Braga. Alla riunione, promossa dal prefetto Salvatore Malfi, erano presenti i vertici degli enti irrigui Ovest Sesia, Baraggia, Est Sesia.

La soluzione concordata prevede che i risparmi ottenuti con i ribassi d’asta su importi già finanziati per altre opere di Est Sesia e Baraggia, invece di rimanere agli stessi consorzi saranno girati ad Ovet Sesia e destinati all’intervento sulla rilevata Dora.

Insomma, di questi tempi, con le risorse finanziarie sempre più difficili da reperire, l’intesa raggiunta è importante. Ed è dunque comprensibile la soddisfazione del sottosegretario Braga espressa al termine dell’incontro. «Adesso – ha dichiarato – mi attiverò a Roma per dare attuazione alle intese raggiunte».

Conferenza online sugli investimenti aziendali per le energie alternative

Tutti i dettagli sull’evento online

(p.r.) Fotovoltaico, termosolare, cogenerazione, ristrutturazione energetica. Chi ha avuto possibilità negli anni passati ne sta godendo i frutti, ma cosa deve fare oggi chi si sta chiedendo se investire in ciò che pare sempre più una “grande bolla”?

Il 9 Maggio, alle ore 12, Surpetere: la prima ed unica conferenza online che svelerà tutta la verità su i vantaggi e le criticità degli investimenti in energie rinnovabili, grazie alla testimonianza di un’azienda che ora è disposta a rivelare tutti i dati di oltre dieci anni di esperienza nella realizzazione di sistemi integrati di diversa portata.

Surpetere: collegati al sito www.surpetere.it per richiedere le password di accesso per assistere il 9 Maggio, in diretta web alle ore 12, o in replica alle 17, al più grande appuntamento online dedicato alle imprese.

Surpetere è l’incontro decisivo per gli imprenditori che devono scegliere se investire o no nella propria azienda.

Per informazioni e preiscrizioni consulta il sito www.surpetere.it oppure chiama il numero 011 85.28.69

L’EDITORIALE

L’EDITORIALE

Contro l’avanzata del deserto bisogna rivitalizzare le città

di Claudio Cagnoni

Bene le iniziative pensate per richiamare gente nei centri urbani che, altrimenti, è attratta dai parchi commerciali. Ma che fine ha fatto il Distretto del commercio?

Gente che affolla uno degli stand della Fattoria in città a Vercelli

Il mese di maggio, tempo permettendo, è tradizionalmente dedicato ad iniziative all’aperto pensate per coinvolgere la gente, tanto più se si tratta di progetti che partono dalle istituzioni pubbliche. Recentemente, la sempre maggiore attrazione esercitata dai centri commerciali sulla gente e la liberalizzazione degli orari di apertura dei negozi hanno fatto sì che gli eventi e le manifestazioni assumano sempre più la connotazione di iniziative volte a sostenere in qualche modo il piccolo commercio e che soprattutto  se ne organizzino in numero sempre maggiore. Vercelli, a questo proposito, ne è un esempio.

Il problema dello spostamento della gente dai centri urbani ai grandi parchi commerciali realizzati alla periferia delle città è un problema ormai datato nel tempo. Già all’epoca della realizzazione, negli anni Novanta, del “Continente”, a Vercelli, si discusse all’infinito delle conseguenze che questo insediamento avrebbe avuto nei riguardi non solo del commercio cittadino, ma anche della “desertificazione” del centro causata dalla chiusura dei piccoli negozi.

Lo stesso problema viene in qualche modo vissuto oggi a Biella, con la città che spesso appare quasi deserta al contrario invece della grande frequentazione del vicino parco commerciale, dove la gente si dà ritrovo anche senza l’obiettivo della spesa. Si sa che gente chiama gente, ed è quello che sta accadendo a Biella.

Novara è probabilmente la città capoluogo, tra quelle dell’area nord-orientale del Piemonte, che risente meno dell’influenza dei parchi commerciali. Ma in questo caso va però detto che per questa città, più sicuramente delle altre due, l’attrazione esterna, soprattutto per i giovani, è esercitata dalla vicina Milano.

Il problema dell’animazione e della rivitalizzazione dei centri urbani è comunque una necessità con la quale oggi si stanno confrontando con aspettative sempre più forti sia le amministrazioni pubbliche sia le associazioni di categoria. L’esempio in corso a Vercelli dove, a partire da domenica e, praticamente per tutti i fine settimana di maggio, sono previste iniziative che coinvolgono i commercianti è da giudicare positivamente anche perché, con l’apertura dei negozi e l’organizzazione di varie manifestazioni, si offre alla gente un motivo per frequentare la città e, al tempo stesso, approfittare delle iniziative legate al mondo culturale e artistico.

Non rimane che chiedersi, restando in zona, che fine abbia fatto il progetto di Distretto del commercio alla base del quale c’era proprio il concetto di trasformazione dell’intera città in un grande parco commerciale. E, si badi, quando si usa il termine “commerciale” non ci si vuole fermare ad un significato meramente economico riferito alle azioni che, in qualche misura, agiscano sulla propensione alla spesa della gente. Ciò che riteniamo debba essere alla base di qualsivoglia idea, si chiami Distretto del commercio o assuma invece altri nomi legati ad iniziative specifiche, è l’animazione delle città. Bisogna fare in modo che le città, le nostre piccole città di provincia, non smettano di essere centri pulsanti di vita, dove magari, perché no, ci si senta anche invogliati a spendere qualche euro, naturalmente, visti i tempi,  se possiamo permettercelo!