Mercato immobiliare: è Biella la città meno cara

Per quanto riguarda il costo del mattone, sono invece  Vercelli e Novara (dopo Torino) le più care in Piemonte. Anche per gli affitti Biella, questa volta assieme a Vercelli e Novara, è la meno cara. I dati emergono da un’indagine di Casa.it.

A Vercelli e Novara ci vogliono mediamente 2.700 euro al mq per comprare casa

(c.c.) Biella, secondo un’indagine di Casa.it, è il capoluogo di provincia dove costa meno comprare o affittare casa. Vercelli e Novara, dopo Torino, risultano invece, sempre secondo la stessa indagine, le più care per quanto riguarda il costo del mattone, ma, in compenso, con Biella sono le città meno care del Piemonte se la casa la si cerca in affitto.

Per comprare casa a Torino ci vogliono mediamente 2.700 Euro al metro quadro. A Vercelli e a Novara ce ne vogliono 1.670 di euro al mq, sempre tanti, ma decisamente meno rispetto al capoluogo piemontese. A Biella ne bastano mediamente 1.300. Continua >

Vercelli: raccolta differenziata “porta a porta” operativa in tutta la città

Contenitori distribuiti a tutti i cittadini. «Adesso – dice l’assessore Materi – controlleremo il contenuto e avviseremo l’utente se sono stati riscontrati dei problemi». Entro una decina di giorni saranno tolti dalle strade tutti i cassonetti per l’indifferenziata.

L'assessore Massimo Materi (sinistra) con Andrea Stetich di Erica

(c.c.) La raccolta differenziata “porta a porta” è ora operativa in tutta la città di Vercelli. Condomini, abitazioni private e attività commerciali sono stati dotati dei contenitori per il rifiuto non recuperabile e per la frazione organica (chi non lo avesse ancora ricevuto può richiederlo presso il Centro multi raccolta nell’Area industriale attrezzata) e, contestualmente, è stata potenziata la raccolta di prossimità di plastica, vetro e banda stagnata con il posizionamento di nuovi contenitori nella aree periferiche della città.

«Completata questa prima fase del progetto – ha spiegato l’assessore Massimo Materi, delegato alla promozione della cultura della raccolta differenziata – ne inizia ora una nuova volta a sostenere le azioni di informazione e, al tempo stesso, a monitorare il territorio per testare come la cittadinanza ha recepito l’invito a differenziare. Gli operatori addetti alla raccolta esamineranno, infatti, i singoli bidoni e daranno una valutazione del contenuto: apporranno quindi un cartellino verde se le regole sono state rispettate, uno giallo se è stato riscontrato qualche problema, che sarà anche segnalato, uno rosso, infine, se l’utente ha differenziato male. Non ci sono ancora sanzioni per chi sbaglia, ma si tratta solo di un avvertimento». Continua >

Chiusa l’emergenza maltempo nel Vercellese e in Valsesia

Il bilancio degli interventi illustrato dal prefetto Malfi e dal presidente della Provincia Carlo Riva Vercellotti.

Il prefetto Malfi e il presidente della Provincia, Carlo Riva Vercellotti, hanno fatto il bilancio a chiusura dell'emergenza maltempo.

(c.c.) Cinque giorni di operatività, più di 110 ore consecutive per monitorare in ogni momento la situazione e coordinare, sulla base delle indicazioni fornite dai tre Centri operativi misti attivati sul territorio (a Trino, a Crescentino e a Varallo), gli interventi dei quasi mille uomini impegnati, tra forze dell’ordine, vigili del fuoco, polizia locale e volontari della Protezione civile.

«Questa emergenza maltempo – ha commentato questo pomeriggio il prefetto Salvatore Malfi – alla fine è stata una grande esercitazione perché, fortunatamente, non ci sono state vittime e i danni sono stati contenuti. Ma se è vero che oggi, pur se stanchi, possiamo tirare un sospiro di sollievo, dobbiamo questo risultato anche al fatto che il lavoro sul campo è stato frutto di esperienze passate e gli interventi strutturali fatti si sono dimostrati validi». Continua >