Carnevale di Santhià: al via i festeggiamenti

Le maschere del Carnevale di Santhià 2012

(r.l.) Entra nel vivo oggi, con la festa del “giobia grass”  il Carnevale Storico di Santhià. L’altro giorno c’è stata la presentazione delle maschere al PalaCarvè sito in piazzale Kennedy. E’ stata l’occasione per dare l’ultimo saluto alle maschere uscenti, Gabriele Mannai e Francesca Gili e il benvenuto a Irene Manuello e Marcello Marsilio, i due giovani che vestiranno i panni di Majutin e Stevulin per il 2012. “Vogliamo ancora una volta ringraziare Francesca e Gabriele per come hanno, nel corso dell’anno, interpretato con semplicità e naturalezza il ruolo di Majutin e Stevulin” afferma Fabrizio Pistono, portavoce della ProLoco. “Auguriamo anche a Irene e Marcello di poter divertirsi indossando le maschere della nostra tradizione”. Continua >

Ars Teatrando al carnevale di Lessona

Ars Teatrando al carnevale di Lessona

(r.l.) Anche quest’anno la compagnia Teatrando, su invito del Comitato del Carnevale di Lessona, partecipa alla festa, non più, però, con un intero spettacolo da palco proposto in teatro come avvenuto nel 2010 e nel 2011, bensì con due scene inserite nella serata conclusiva prevista martedì 21 febbraio. Il corteo delle maschere, che partirà alle 18.30 dall’area palazzetto e prevede un percorso a tappe con degustazione (solo su prenotazione 015.981901) si concluderà in frazione Castello, dove prenderanno il via le diverse attrazioni. Con la consueta ironia gli attori diretti da Paolo Zanone proporranno  “Offerta speciale di carnevale”” in cui tre immobiliari “sui generis” tenteranno di piazzare, a prezzi stracciati, alcune delle antiche case della frazione, la più antica del paese, che conserva edifici risalenti al Seicento. Nella seconda “Eredità” si assisterà a una versione insolita del classico “funerale del Carnevale”, in questo caso rappresentato da un padre la cui eredità è destinata a rimanere nelle mani di tre figli degeneri e troppo avidi.  La serata si conclude in piazzetta San Grato dove è previsto uno spettacolo pirotecnico.

 

 

 

 

Vercelli, proposta del Pd: riduciamo il numero di assessori

Il gruppo consiliare presenta un ordine del giorno con il quale propone di limitare già adesso ad un massimo di 7 il numero di assessori comunali, come prevede la finanziaria 2010

I consiglieri del Pd Maura Forte e Gabriele Bagnasco

(c.c.) Ridurre il numero di assessori dai 10 attuali a 7, come prevede la finanziaria del 2010 per le amministrazioni che saranno rinnovate alla prossima tornata elettorale. E’ quanto propone il Pd di Vercelli con un ordine del giorno a firma dei consiglieri Maura Forte, Gabriele Bagnasco, Carlo Nulli Rosso e Adriana Sala Breddo che sarà presentato alla prossima riunione del Consiglio comunale.

L’ex sindaco di Vercelli e il segretario provinciale del Pd si dicono consapevoli che risparmiare 60 o 70 mila euro all’anno non andrebbe a risolvere i problemi finanziari del Comune; «Tuttavia – dicono – sarebbe un bel segnale nei confronti della gente, chiamata a fare grandi sacrifici».

Bagnasco ha spiegato che questa non è una proposta dettata dal particolare momento e dalla crisi in atto, «ma rispecchia quanto già molti, a livello nazionale, stanno facendo».

«E comunque – ha ricordato Maura Forte – con la prossima amministrazione gli assessori scenderanno obbligatoriamente ad un massimo di sette; non si tratterebbe che di anticipare le cose».