“Nell’obiettivo” dei fotografi biellesi c’è la solidarietà

Fotografi uniti per Biella” è una raccolta fondi in fase di organizzazione che coinvolge il mondo della fotografia professionale e amatoriale (circoli fotografici) del territorio biellese. Questa raccolta fondi è rivolta ad aiutare l’ospedale degli Infermi di Ponderano nella gestione dell’emergenza sanitaria causata dal continuo diffondersi del Covid-19. Si tratta di un appello rivolto ai fotografi professionisti o amatoriali, autori del mondo della fotografia di moda, arte, architettura, ritratto, paesaggio. L’invito è di donare una loro immagine, a tema libero, che verrà messa in vendita sul sito “Fotografiunitiperbiella” al costo di 70 euro, pagabili tramite Paypal o bonifico bancario. L’operazione è coordinata dal fotografo Fabio Lesca con la collaborazione del fotogruppo “Noveis” di Guardabosone.
Il materiale dovrà essere inviato esclusivamente tramite mail all’indirizzo fotografiuniti@gmail.com indicando: nome e cognome dell’autore, titolo, anno di realizzazione (se possibile) e circolo di appartenenza o fotografo professionista. La documentazione verrà verificata prima di essere pubblicata. L’asta è attiva fino al 30 maggio. Le immagini possono essere inviate fino al 10 maggio e verranno caricate anche ad asta in corso.
Il ricavato dell’iniziativa sarà interamente devoluto all’Ospedale degli Infermi di Ponderano. Le stampe acquistate verranno stampate nel formato 30 x 45 cm, su carta fotografica, da Fabio Lesca presso il laboratorio partner PHOTOREC. Saranno detratti dalle donazioni i costi di produzione e spedizione che ammontano a 11,50 euro per foto. Le stampe saranno realizzate e spedite non appena il laboratorio riprenderà la sua normale attività. Maggiori dettagli su www.fotografiunitiperbiella.it

Il jazz ai tempi del Covid -19

8 episodi ideati e pensati per YouTube e per IGTV (la sezione di Instagram dedicata ai contenuti video di durata superiore al minuto), protagonista il jazz con la voce di Matteo Negrin, direttore di Piemonte dal Vivo: in corrispondenza del periodo in cui abitualmente Torino e il Piemonte mettono in scena il linguaggio afroamericano, dal 15 aprile, per 4 settimane, No Panic That’s Jazz traccia un inedito parallelismo tra il momento “sospeso” che stiamo vivendo e la pratica jazzistica. Tra citazioni e rimandi musicali, un percorso in otto puntate indaga le specificità creative di questo linguaggio evidenziando possibili strategie di adattamento e risposta alle restrizioni cui siamo sottoposti in questo periodo. Allo stesso tempo, crea una stretta connessione con il valore dell’improvvisazione quale strategia di adattamento nei confronti delle emergenze del quotidiano E quindi se Miles Davis è un esempio di come l’imprevisto possa diventare lo standard con il celebre brano “So What”, Duke Ellington ci ricorda di come sia possibile cambiare il proprio punto di vista, innovando a partire dagli elementi che la tradizione ci consegna; ancora Django Reinhardt che, sfidando i limiti fisici della disabilità (un incidente lo aveva privato di alcune dita della mano sinistra) diventa uno dei più grandi chitarristi del panorama europeo. E poi: Louis Armstrong, Chet Baker & Jerry Mulligan, John Coltrane… Non mancano citazioni letterarie e artistiche che vanno a costruire così un percorso che dimostra come l’improvvisazione, come relazione estemporanea con il contesto, sia uno degli elementi costitutivi dell’essere al mondo dell’uomo. Con un linguaggio, a tratti ironico e a tratti tecnico, Matteo Negrin guida l’utente in una storia musicale che ha continui collegamenti con il nostro quotidiano: la capacità di reazione al cambiamento improvviso degli agenti esterni, la velocità di lettura di una situazione nuova, le modalità con cui si riprogramma una strategia adottandone un’altra…sono tutti elementi che potrebbero essere riassunti nell’espressione “capacità di improvvisare”. No Panic That’s Jazz è disponibile sul canale YouTube di Piemonte dal Vivo e nella sezione IGTV del profilo Instagram di Piemonte dal Vivo.

Fondazione Piemonte dal Vivo: un bando e un webinar a sostegno dello spettacolo dal vivo piemontese

Il Direttore della Fondazione, Matteo Negrin

Il bando della Fondazione Piemonte dal Vivo, che stanzia 500.000 € a sostegno dello spettacolo dal vivo su tutto il territorio regionale, è stato prorogato al 15 maggio.  Numerose le richieste di approfondimento arrivate dalle associazioni e compagnie piemontesi in queste settimane agli uffici della Fondazione e alle quali è stata fornita risposta sulle pagine del sito: piemontedalvivo.it (FAQ). Significativo l’interesse riscosso fin dai primi giorni della pubblicazione, a dimostrazione che in un periodo complesso come questo il bando lanciato da Piemonte dal Vivo sia una occasione preziosa per gli Enti dello spettacolo dal vivo del territorio. Proprio per questo giovedì 30 aprile alle ore 11 la Fondazione illustrerà le peculiarità del bando e offrirà risposta ai quesiti delle associazioni del territorio in un webinar. Un’occasione per delineare i possibili nuovi scenari per lo spettacolo dal vivo, alle prese con una normativa che dovrà ancora a lungo tenere conto del distanziamento tra le persone. In quest’ottica la Fondazione ha strutturato le specifiche azioni di formazione, consulenza e accompagnamento grazie ad un team di esperti messi a disposizione da Hangar Piemonte.”Uno degli obiettivi del bando – spiega il direttore Matteo Negrin – è di supportare le associazioni in questo momento complesso di riorganizzazione dello spettacolo dal vivo e per questo motivo abbiamo dunque deciso di affiancare oltre alle Faq pubblicate sul sito piemontedalvivo.it, anche un webinar per rispondere in diretta alle domande che ci verranno poste da associazioni e compagnie oltre che per illustrare gli strumenti di accompagnamento che la Fondazione ha immaginato per garantire agibilità e sostenibilità ai progetti candidati in un contesto eccezionalmente complesso. Per partecipare gratuitamente al webinar, sarà necessario iscriversi cliccando qui:https://bit.ly/2S2TBpB Una volta confermata l’iscrizione, l’utente riceverà una mail di conferma con un link per collegarsi al webinar. Il bando – termine ultimo per partecipare, venerdì 15 maggio 2020 – è rivolto a tutti gli enti del terzo settore La domanda di partecipazione deve pervenire entro e non oltre le ore 17.30 del 15 maggio 2020 esclusivamente in formato digitale tramite posta elettronica certificata all’indirizzo piemontedalvivo@pec.it avendo cura di indicare nell’oggetto la dicitura “Bando Corto Circuito 2020”. Per tutte le informazioni è necessario visionare il bando pubblicato sul sito di Piemonte dal Vivo.