“LIFE – FLAREX” all’evento finale a Città Studi Biella

Il team Life -Flarex

L’evento finale di LIFE-FLAREX si è tenuto, in remoto, il 17 giugno 2020 ed è stato organizzato dalla partnership del progetto. L’evento ha riscosso molto successo con oltre 60 partecipanti provenienti da tutta Europa.Pointex – Città Studi Biella è l’unico partner italiano del progetto, in collaborazione con alcuni tra i più importanti cluster e centri di ricerca europei. LIFE-FLAREX è un progetto co-finanziato dal Programma LIFE che mira a ridurre l’impatto sull’ambiente, sulla salute delle persone e sulla sicurezza dei lavoratori dei Ritardanti di fiamma attualmente impiegati nell’industria tessile ed a prendere in considerazione le possibili alternative, analizzando il loro impatto sull’ambiente e le funzionalità tecniche e promuovendo buone pratiche per il settore. Lo scopo del webinar era presentare i progressi e le alternative per l’implementazione delle politiche di sostituzione di prodotti chimici nell’industria tessile, in particolare i prodotti ritardanti di fiamma per tessuti d’arredo come tappeti, rivestimenti per mobili e altri prodotti come materassi o tende. La sessione è iniziata con le presentazioni dei rappresentanti della Commissione europea. Dopo le presentazioni introduttive, i partner di LIFE-FLAREX hanno presentato i principali risultati del progetto, compresi i risultati tecnici, la valutazione tossicologica in vitro, la valutazione dei rischi, la valutazione del ciclo di vita e le raccomandazioni a livello di policy. Il team di LIFE-FLAREX ha valutato quattro diverse applicazioni dei tessuti nel settore dell’arredamento: rivestimenti, tende, biancheria da letto e copri-materassi. Per ogni applicazione è stata valutata una serie di prodotti alternativi rispetto ai prodotti standard convenzionalmente utilizzati nel settore. Per ogni applicazione è stato identificato almeno un prodotto alternativo in grado di ridurre l’impatto ambientale ed i costi, pur assicurando buone prestazioni tecniche. Il webinar si è concluso con la presentazione di altri due progetti LIFE su tematiche correlate: AskReach, che sta sviluppando un’applicazione per i consumatori per identificare se un prodotto ha utilizzato sostanze potenzialmente pericolose durante la sua produzione e MIDWOR-LIFE, che ha lavorato su finissaggi alternativi per ottenere idro e oleo repellenza sui tessuti. Le presentazioni e la registrazione del webinar sono disponibili sul sito di LIFE-FLAREX (www.life-flarex.eu).

Museo della Passione di Sordevolo: un viaggio emozionante

La data è fissata: domenica 28 Giugno finalmente riapre la Rete Museale Biellese, che comprende anche il prestigioso Museo della Passione di Sordevolo. Si tratta dei 200 anni che raccontano della rappresentazione della Passione di Cristo, all’interno della Chiesa di Santa Marta che, proprio quest’anno, prevede lavori di rinnovo e ristrutturazione, per ampliare ed abbellire gli spazi. A tal proposito, il Museo offre ai suoi visitatori un’opportunità davvero unica: immergersi in prima persona tra le scenografie allestite per l’edizione 2020 ma, a causa dell’emergenza sanitaria, rimandata all’anno prossimo. Attraverso un percorso guidato si potrà curiosare “dietro le quinte” di un evento inimitabile che combina storia, cultura e tradizione popolare. Si potrà dunque vivere quest’esperienza dal 28 Giugno tutte le domeniche all’Anfiteatro Giovanni Paolo II fino a domenica 11 Ottobre (con l’aggiunta di sabato 15 Agosto) dalle ore 14,30 alle ore 18,30.

Tornano le note tra le vette

Musica in quota è senza dubbio uno dei festival di musica tra le vette più amati e frequentati dell’intero arco alpino e anche nell’estate 2020 continuerà a… portare in alto le sette note. In una stagione in cui le regole per il contenimento della pandemia da Covid-19 spingono gli organizzatori a cancellare gli eventi, infatti, l’Associazione Musica in quota non demorde e, anzi, rilancia, organizzando un’edizione 2020 ugualmente ricca anche se rimodulata ed adeguata ai protocolli di sicurezza nazionali e regionali. “Sarà l’edizione della consapevolezza, del senso di responsabilità, del rispetto delle misure per evitare il rischio di possibili contagi. – è il commento del presidente dell’Associazione Musica in quota, Claudio Cottini – Grazie ad un corretto distanziamento interpersonale, ascolteremo i coinvolgenti concerti ospitati anche quest’anno nei nostri alpeggi, tra gli incantevoli paesaggi alpini dell’Alto Piemonte. Dovremo indossare i dispositivi di protezione, dovremo seguire poche e semplici regole: tutto questo servirà per fare in modo che Musica in quota continui a rappresentare per tutti un momento speciale di emozioni condivise.” Il numero di appuntamenti sarà necessariamente minore rispetto al passato, ma, grazie alla collaborazione con il prestigioso festival Tones on the StonesMusica in quota potrà ospitare il jazzista italiano più conosciuto al mondo, il grande trombettista Paolo Fresu che si esibirà alla Cava di Oira (Crevoladossola, VB) insieme al pianista Ramberto Ciammarughi. Un evento speciale che renderà indimenticabile l’edizione numero 14. Si parte domenica 28 Giugno fino a domenica 6 Settembre. Tutti i dettagli su musicainquota.it