“Madri Sospese” al Museo Leone di Vercelli

La locandina

A Vercelli l’Associazione Crescere appoggia CiaoLapo nell’organizzazione per il 15 ottobre del “Babyloss Awareness Day” (www.babyloss.info) giornata di informazione, sensibilizzazione e sostegno a chiunque perda un bambino durante la gravidanza o dopo la nascita. 
Ed è proprio per questa ricorrenza che il Museo Leone ospiterà la mostra fotografica “Madri Sospese”. L’idea, promossa da CiaoLapo in collaborazione con la fotografa Alessandra Fuccillo, è stata quella di fotografare le mamme che si sono offerte volontarie per narrare con le immagini ciò che è difficile udire con le orecchie, per rompere il tabù ancora così forte su questo lutto. La mostra che vede anche il Patrocinio di Comune di Vercelli, ASLVercelli, Ordine della Professione di Ostetrica Interprovinciale di Novara – Verbano Cusio Ossola – Biella – Vercelli e Ordine degli Psicologi del Piemonte, sarà allestita presso la Sala d’Ercole per la settimana dall’11 al 20 Ottobre. Venerdì 11 ottobre alle 17:30 verrà inaugurata l’esposizione “Madri Sospese” alla presenza della fotografa Alessandra Fuccillo che illustrerà il progetto che sta dietro alle immagini e della dottoressa Vendola, Direttore della SC di Ostetricia e ginecologia di Vercelli. Martedì 15 ottobre è il BabylossDay: il ritrovo per quanti vorranno partecipare sarà alle 16:00 presso il Cortile di Casa Alciati per una piccola attività creativa che vedrà tutti coinvolti. A seguire si visiterà la mostra per poi spostarsi in Piazza Cavour per il tradizionale lancio di palloncini e per l’onda di luce.La mostra sarà visitabile GRATUITAMENTE nei consueti orari di apertura del museo  (martedì-venerdì 15:00-17:30; sabato-domenica 10:00-12:00 e 15:00-18:00).
Inoltre il giorno giovedì 17 ottobre l’esposizione sarà accessibile con orario continuato a partire dalle 10:00 e fino alle 17:30; in questa giornata tutte le mamme che vorranno visitare la mostra con i loro bambini troveranno ad attenderle un piccolo corner con attività studiate appositamente dai Servizi educativi del museo per intrattenere i piccoli. Personale dell’Associazione Crescere sarà inoltre a disposizione e supporto dei visitatori.

Al Borgogna di Vercelli una mostra che racconta il Rinascimento

“Eleazaro Oldoni: una nuova scoperta per il Rinascimento a Vercelli”
Da sabato 5 ottobre al Museo Borgogna di Vercelli è possibile visitare una nuova mostra, curata da Vittorio Natale con Cinzia Lacchia, dedicata ad una delle figure fino ad ora meno conosciute del Rinascimento vercellese: Eleazaro Oldoni. Un nome curioso, quello di Eleazaro, che si lega a una dinastia di artisti milanesi giunti a Vercelli nel Quattrocento, ben documentata ma con poche opere ancora presenti sul territorio.
La mostra, sottolinea il Presidente del museo, l’avvocato Francesco Ferraris, è ospitata non a caso al Museo Borgogna, permettendo di inserire questa selezionatissima e preziosa serie di opere in molti casi del tutto inedite all’interno di un contesto unico per la pittura vercellese.
Per saperne di più 
Nuovi appuntamenti in Museo. E’ online il calendario del mese di ottobre de “L’Arte si fa sentire”: tanti gli appuntamenti rivolti ad un pubblico sempre più ampio.
E’ possibile scaricare qui il calendario 
Nuovi orari d’apertura al pubblico. A partire da sabato 5 ottobre il Museo osserva un nuovo orario di apertura al pubblico:
dal martedì al venerdì dalle 14.30 alle 17.30 (al mattino aperto su prenotazione per scolaresche e gruppi);
sabato dalle 14 alle 18 (mattino chiuso);
domenica dalle 10 alle 12.30 e dalle 14 alle 18.
Lunedì chiuso.
Tutte le info su museoborgogna.it

L’arte orientale in mostra a Città Studi Biella

Il Raku è una tecnica giapponese di cottura, approdata in Occidente, utilizzata per la produzione di tazze per la cerimonia del tè e che ha un forte legame con lo spirito Zen; questa tecnica ha subito profonde trasformazioni assumendo caratteristiche proprie che si differenziano da quelle originali. Se ad ogni ceramica Raku viene poi affiancato un bonsai, che simboleggia un dialogo suggestivo di forme e colori, si parlerà di: “L’arte di dare una forma. Bonsai e ceramica Raku”. E’ una mostra d’arte che rientra all’interno della fortunata rassegna “Crossing Art&Books”, diventata ormai un punto di riferimento per gli artisti del territorio promossa dalla biblioteca di Città Studi Biella. La mostra organizzata da Città Studi Biella, in collaborazione con Garden Club Biella e R&L Creative Bonsai, è una presentazione di bonsai e creazioni contemporanee di ceramiche Raku realizzate da sette esperti ceramisti. Luca Barbieri e Riccardo Valle sono i due giovani biellesi fondatori della R&L Creative Bonsai che condurranno i visitatori, attraverso le loro sculture viventi, alla scoperta di questa pratica antica che permette di coltivare alberi in miniatura dove la ricerca della forma rivela una profonda connessione spirituale tra l’albero e i suoi curatori. I ceramisti chiamati ad esporre le loro sculture o i loro manufatti sono Anna Banfi, Roberto Castellano, Mark HC Jones, il duo Lista|Fila, Simone Stefani ed Ebe Tirassa. La mostra, curata da Walter Ruffato, dialoga con la proposta di lettura Giapponese, una bibliografia sulla storia e la cultura del Paese del Sol Levante. “Le ceramiche e i bonsai diventano l’occasione per far avvicinare il visitatore alla cultura nipponica – sottolinea Walter Ruffatto – attraverso due tecniche molto diffuse anche in Occidente. Entrambe, grazie ai principi filosofici che le accompagnano fin dall’origine, ci ricordano come sia possibile vivere in armonia con le cose, con gli uomini e con la natura. I bonsai in quanto esseri viventi, necessitano di cure e non possono restare al chiuso per troppo tempo. Per questo motivo verranno esposti per poche settimane all’interno della Biblioteca di Città Studi. Alcune piante, sempre per le stesse ragioni, verranno sostituite con altre. Invito quindi tutti a visitare la mostra in tempi diversi, così da poter ammirare più specie di piante”.La mostra sarà inaugurata giovedì 10 ottobre alle ore 18 nella biblioteca del campus universitario biellese e rimarrà esposta sino al 26 ottobre dal lunedì al venerdì (dalle 8 alle 19), sabato (dalle 8.30 alle 12.30) tranne i festivi. L’ingresso è libero e per maggiori informazioni è possibile contattare direttamente Città Studi Biella tel. 015 8551107, email: biblioteca@cittastudi.org, web-site: www.cittastudi.org/biblioteca, facebook: @cittastudibiblioteca.