Il fine settimana dell’Oasi Zegna

Sabato 19 ottobre l’Albergo Bucaneve, in collaborazione con Ais Biella e Oasi Zegna, organizza una cena gourmet con degustazione guidata di vini del territorio per un’esperienza enogastronomica alla scoperta di profumi, colori e sapori del Biellese. La serata prevederà differenti momenti con introduzione a cura dei sommelier di AIS Biella, presentazione del menù appositamente ideato dallo chef Ernesto Tonetto, illustrazione dei piatti e dei relativi abbinamenti con interazione dei partecipanti e degustazione. E ancora a Castagnea di Portula, il 19 e 20 ottobre, una speciale due giorni dedicata alla castagna con degustazioni, mercatini, passeggiate nel bosco e tante curiosità tutte da scoprire, a cura dell’agriturismo Oro di Berta. Infine domenica 20 ottobre l’Albergo Bucaneve ospita una “giornata olfattiva” tra profumi, fragranze ed essenze, alla scoperta dell’aromaterapia. L’esperienza sarà teorica, ma anche pratica, con la creazione, da parte degli iscritti, di un vero e proprio bouquet personale. Imparare a conoscere gli oli essenziali, abbinarli, saperli usare nel quotidiano, è uno strumento molto utile per favorire il proprio benessere psico-fisico. Ad accompagnare i partecipante in questo percorso sensoriale, Monica Serra, esperta naturopata ed aromaterapeuta. Proseguono inoltre gli eventi in programma per “Foliage“: sabato e domenica spazio alle passeggiate in compagnia delle guide naturalistiche esperte del territorio. Non semplici camminate ma veri percorsi esperienziali nel Bosco del Sorriso, in Valsessera, che lascia incantati con le sue betulle, gli abeti, i faggi e i larici, ma anche per la bellezza dei suoi panorami. Uscite da due ora circa, su percorsi adatti a grandi e piccini, aperti anche agli amici a quattro zampe. Maggiori info sul web all’indirizzo www.oasizegna.com

Con ATL Novara sabato e domenica tra arte e storia

L’Agenzia Turistica Locale della Provincia di Novara in collaborazione con la Diocesi di Novara e la Regione Piemonte, organizza per il 19 e 20 ottobre 2019 un’apertura straordinaria di oratori, battisteri e pievi romanici. Da anni ormai ATL Novara promuove e valorizza il patrimonio romanico, capace di unire arte, storia e paesaggio, da cui può partire un turismo culturale e sostenibile. Con questa iniziativa si desidera far conoscere la grande ricchezza di chiese, pievi e oratori campestri di cui le nostre campagne e colline sono così ricche, talvolta posti lungo le antiche vie di fede e di pellegrinaggio, testimonianze di un passato in cui arte e fede erano strettamente legate tra loro e rappresentano per il moderno viandante una luminosa finestra sulla storia di queste terre: gli esterni austeri, le semplici volumetrie sono spesso custodi di raffinate decorazioni e affreschi che narrano le storie dei sacri testi a chi non poteva accedere alla loro lettura, se non attraverso l’immediatezza delle immagini. Già nella scorsa primavera, grazie all’iniziativa promossa dalla Regione e condivisa con ATL, erano stati aperti alcuni beni romanici in occasione della Prima Giornata del Romanico in Piemonte. Con l’invito, a tutte le persone che visiteranno i siti aperti tra sabato e domenica, di condividere i propri scatti sui principali social media, Facebook e Instagram, utilizzando l’hashtag #romaniconovarese e taggando @atlnovara, in modo che possano essere ripostati sui profili di ATL Novara. Per conoscere nel dettaglio l’iniziativa http://turismonovara.it

Tornano le conferenze del MAC di Vercelli

Venerdì 18 ottobre alle 17.30 tornano le conferenze del MAC – Museo Archeologico della Città di Vercelli. Ospite del Museo di Corso Libertà sarà l’archeologa e docente universitaria Maria Elena Gorrini che parlerà di “Vivere e morire nel Vercellese romano”. La studiosa è Direttore scientifico del progetto di ricognizione archeologica di superficie che, in collaborazione con la Soprintendenza e con il Comune di Livorno Ferraris, sta cercando di ricostruire il paesaggio antico del Vercellese meridionale e per l’occasione innesterà su di un quadro in via di definizione le molteplici informazioni, provenienti dai corredi funerari di epoca romana ritrovati sul territorio, relative ad usi e costumi delle genti che vissero nel basso vercellese duemila anni fa. Maria Elena Gorrini è professore associato di Archeologia Classica presso l’Università degli Studi di Pavia, ha studiato ad Atene, dove si è specializzata in Archeologia classica. Ha pubblicato numerosi lavori sui suoi temi di ricerca: i culti del mondo greco classico ed ellenistico, la scultura ellenistica e romana e i commerci di marmi nel mondo antico. Oltre al progetto sul nostro territorio di cui è direttrice, ha partecipato a numerose campagne di scavo in Italia, in Grecia e in Turchia e attualmente dirige altre ricerche sul campo, tra cui al Plutonium (tempio del dio Plutone) di Villa Adriana a Tivoli, missione congiunta con l’Università di Oxford. Il MAC – Museo Archeologico della Città di Vercelli “Luigi Bruzza”, allestito nella manica medievale del complesso di Santa Chiara, con ingresso in corso Libertà 300 e in via Farini 5, è uno spazio multimediale in cui la città antica viene descritta attraverso un percorso cronologico – tematico, organizzato in sette sale che seguono un filo che va dalla trasformazione del villaggio dei Libui alla città romana. Dal II secolo a.C. al IV secolo d.C. si approfondiscono i molteplici aspetti del municipium di Vercellae: le mura, gli spazi pubblici come le terme e l’anfiteatro, le dimore private e le necropoli. Sono gli oltre 600 reperti esposti a raccontare la storia della città antica: ceramiche, vetri, monete in oro, argento e bronzo, cornici e decori  in marmo tra cui alcuni di eccezionale rarità e valore. Il suggestivo corridoio introduce, con reperti significativi, la tematica di ogni sala. La scelta dell’apparato didattico multimediale permette l’immediata percezione di reperti non esposti, come la famosa Stele Bilingue conservata al Museo Leone, realtà museale con cui il MAC vive in simbiosi. L’ingresso alla conferenza è libero fino ad esaurimento posti. Per info: 0161. 649306 oppure macvercelli@gmail.com.