La Baraggia sbarca alla BIT Borsa Internazionale del Turismo 2020, racconta il suo impegno nello sviluppo turistico ecosostenibile e vince un award! Tutto inizia a dicembre 2018 nel cuore di Buronzo, in uno degli edifici del castello consortile trasformato nel ristorante Armonie in Corte da Anna Maria Corrado. Insieme alla guida turistica Giulia Varetti decide di provare a lanciare il progetto “Bikesquare”, introducendo la possibilità di noleggiare biciclette elettriche in Baraggia, mettendo a disposizioni percorsi esperienziali disponibili su una App per smartphone. La Baraggia è stata inserita nelle aree Sic – Siti d’Importanza Comunitaria – Rete Natura 2000 del Piemonte. Si erano già testati degli itinerari ciclabili tra le cascine con la Strada del Riso Vercellese di Qualità: la consapevolezza della presenza di percorsi già esistenti, a costo zero, che non richiedono investimenti se non di comunicazione, è sempre più grande. La vera domanda è: come far conoscere il territorio della Baraggia e come farlo vivere, non solo dal punto di vista agricolo, ma anche turistico? Il 7 marzo 2019 due auto del Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese, con a bordo una ristoratrice, una guida turistica specializzata nelle terre del riso piemontesi e lombarde e un sindaco di Baraggia (l’allora sindaco di Rovasenda Giuseppe Delmastro), si muovono con un registratore GPS e percorrono diversi itinerari ad anello che, con durate e chilometraggi diversi, partono da Buronzo, fanno scoprire il territorio e fanno rientro nel borgo. Qualche mese dopo, sempre con il supporto del Consorzio, delle guide naturalistiche del Centro Atlantide e degli studenti del corso di “Accoglienza e Promozione” del CIOFS di Vercelli, si fanno altre due uscite, tracciando nuovi itinerari e definendo ulteriori punti di interesse. Non si tratta solo di monumenti o aspetti artistici e architettonici, gli itinerari raccontano l’ambiente, le aziende agricole, la coltivazione del riso, il sistema delle acque e dei canali, la presenza straordinaria delle cicogne (su questo argomento, in collaborazione con Lipu Biella e la community Instagram IG Piemonte e IG Vercelli Biella, nasce il CicognaDay in bicicletta). Il presidente del Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese, Dino Assietti, è certo che il territorio di Baraggia abbia notevoli potenzialità turistiche: “Stiamo parlando di un territorio di antiche origini, ancora visibili nella Riserva Naturale delle Baragge, anche conosciuta come l’ultima “savana d’Italia”. Non mancano inoltre le testimonianze architettoniche medievali, come il Castello di Buronzo e il Ricetto di Candelo, considerato una vera e propria Pompei del Biellese, oltre ad altri numerosi castelli e borghi antichi. Il progetto Bikesquare coniuga perfettamente la promozione delle attrattive naturali e storiche della Baraggia con le eccellenze enogastronomiche del territorio, come il Riso di Baraggia Biellese e Vercellese DOP, l’unica in Italia”. Oggi, dopo aver pensato e testato il menu per i bikers (in collaborazione con Riso&Riso di Vercelli), dopo aver studiato un programma apposito per le scuole alla scoperta del riso e del territorio, dopo aver promosso questo tipo di attività anche per gruppi turistici, team building e addii al nubilato/celibato, ci sono ben 7 itinerari percorribili in autonomia a piedi o con la propria bici, 4 biciclette elettriche noleggiabili da Armonie in Corte, una nuova partecipazione alla Bit 2020 e un riconoscimento (“Best Social Network Engagement”) dedicato a questo territorio e a come raccontarlo. Fino a qui è stato possibile grazie a un grande gioco di squadra, che deve sempre più crescere con l’ingresso di nuovi attori sul territorio.