Controlli intensificati nel Biellese. Sale il livello dei fiumi, al di sotto, comunque, della soglia di attenzione. Permane l’allerta a Crescentino. Gli ultimi aggiornamenti dalla sala operativa della Provincia di Vercelli.

Attesa per domani mattina l'ondata di piena dei fiumi (foto Cherchi)

(c.c.) Il nuovo bollettino di aggiornamento diramato dal Centro funzionale della Protezione civile regionale rileva che la vasta depressione si approfondisce ulteriormente sul Mediterraneo occidentale e continua a convogliare un intenso flusso di masse d’aria umida da sudest sulla nostra regione.

Nell’Alessandrino la fase critica è rientrata in queste ultime ore, mentre per le zone del Biellese e del Torinese si è intensificata l’attività di controllo. Nelle ultime 12 ore sono state registrate ancora piogge forti su quasi tutto il Piemonte ad eccezione delle valli occidentali del Cuneese e del Torinese, dove le precipitazioni sono state moderate. Tra i valori massimi registrati, sono da segnalare le stazioni del Savonese sul bacino del Bormida di Millesimo (Calizzano e Murialdo Bormida) con valori intorno ai 130 mm, in prossimità dello spartiacque savonese (Settepani e Osiglia) con superamento della soglia di elevata criticità. Nelle altre zone sono da segnalare per una certa criticità le stazioni di Camparient (BI), Mottarone (VB), Perlo e Viola (CN), Piano Audi e Sparone (TO). La quota delle nevicate, dopo essere salita in mattinata fino ai 2500 m, si è attestata nel secondo pomeriggio sui 2300-2400 m in tutti i settori, eccetto le zone dalla Valle Gesso all’Appennino, dove è sempre rimasta a quote più elevate.

I livelli dell’Orba e del Bormida si mantengono in prossimità delle soglie di moderata criticità. Il passaggio della piena sul Tanaro a valle di Alessandria ha portato i livelli in prossimità delle soglie di elevata criticità. Nei settori settentrionali i livelli dei corsi d’acqua sono in generale aumento, con gli incrementi maggiori, registrati nei bacini del Sesia, Cervo, Dora Baltea, Orco, Stura di Lanzo. Lungo il Po incrementi significativi, attualmente al di sotto delle soglie di attenzione, si registrano nel tratto piemontese orientale.

La sala operativa congiunta della prefettura e della Provincia di Vercelli, alle 20,30 ha diramato il seguente comunicato:

“Con riferimento agli aggiornamenti relativi agli eventi meteo idrogeologici che stanno interessando la Provincia di Vercelli, si conferma, su segnalazione di ARPA Piemonte, il perdurare di una criticità con allerta cod. 3 sui comuni dell’area valsesiana, nelle ultime 12 ore sono state registrate ancora piogge con valori generalmente forti su quasi tutto il territorio regionale. Picchi molto forti si sono registrati nella zona B (Chiusella,Cervo,Valsesia).

Nei settori settentrionali i livelli dei corsi d’acqua sono in generale aumento, con gli incrementi maggiori, ma ancora al di sotto delle soglie di criticità, registrati nei bacini del Sesia, Cervo, Dora Baltea, Orco, Stura di Lanzo”.

PREVISIONE PER LE PROSSIME 12 ORE

Pioggia: nelle prossime 12 ore le precipitazioni risultano ancora diffuse con valori di picco localmente forti e molto forti. Sul Vercellese i fenomeni raggiungeranno il massimo di intensità (max 100mm/6h e 180 mm/12h) nella notte.

Fiumi: Nei settori settentrionali gli aumenti di portata saranno significativi per i bacini compresi tra la provincia di Verbania, Vercelli, Biella e Torinese superando i valori di moderata criticità nella notte odierna.

I livelli del Po saranno in crescita a valle di Torino per il contributo degli affluenti alpini con possibili superamenti delle soglie di elevata criticità nella notte odierna.