Vercelli e provincia

Congresso eucaristico a Vercelli: rinnovare per educare

Padre Enrico Masseroni, a destra, con mons. Cristiano Bodo, vicario generale

(c.c.) Sarà la sfida educativa che attende la chiesa vercellese nei prossimi anni il tema conduttore del Congresso eucaristico della diocesi di Vercelli in programma dal 17 al 25 settembre prossimo. Il Congresso eucaristico è un evento storico per la chiesa particolare, come ha sottolineato, presentandolo, l’arcivescovo, padre Enrico Masseroni. L’ultimo celebrato a Vercelli risale al 1980; ancora prima, in diocesi, ne venne celebrato uno a Santhià, nel 1956.

Il Congresso, anticipato lo scorso anno dal convegno ecclesiale sul tema “L’Eucaristia rinnova la Chiesa”, pone al centro dei lavori anche il segno della cattedrale eusebiana, portata a nuovo splendore dopo gli importanti lavori di restauro interni ed esterni dei mesi scorsi. E sabato 17, alle 21, il duomo verrà riaperto ai fedeli proprio per la solenne celebrazione di apertura del Congresso.

Ma la finalità di questo importante evento va ben oltre il segno del rinnovamento strutturale. L’obiettivo, ha spiegato padre Enrico Masseroni, è duplice: mettere la messa al centro della comunità cristiana e passare dalla comunità eucaristica alla comunità educativa, in sintonia con il decennio della Chiesa italiana. Dunque, rinnovare per educare.

Vercelli: da oggi la Sagra dell’Agnolotto

(r.l.) Prende il via oggi a Vercelli, nel piazzale Montefibre del rione Cervetto, la sagra dell’Agnolotto.

Il taglio del nastro è alle 18,30 con l’inaugurazione della mostra nello spazio di Gallo Arti Grafiche e con la consegna del premio intitolato a Francesco Leale. Alle 19,30 (da stasera fino a lunedì) la cucina diventa protagonista: si potranno gustare, insieme con altre specialità tipiche piemontesi, gli agnolotti con sugo d’arrosto o ragù oppure con burro e salvia. La serata sarà allietata delle note dell’orchestra di Alex Cabrio.

Domani, venerdì, alle 12,30 pranzo offerto agli anziani del rione e ai disabili. Alla sera alle 22 l’elezione di Miss Cervetto, selezione del concorso nazionale Miss Carnevali d’Italia 2012.

Sabato lo spettacolo musica-energia della Raul Donovan Liveband.

Domenica tanti appuntamenti: pranzo alle 12,30, eventi sportivi nel pomeriggio, poi serata con il gruppo degli Amis dlà risera e a seguire YoYo Mundi.

Lunedì gran finale con la musica degli Archi Sound e uno speciale spettacolo pirotecnico.

 

Pellielo sfiora il podio e guadagna l’oro a squadre

Il campione vercellese Giovanni Pellielo

Italia dei record ai Mondiali di tiro a volo di Belgrado: oro a squadre e oro individuale con Massimiliano Fabrizzi.

Il campione vercellese Giovanni Pellielo dopo una rimonta all’ultimo piattello, nell’individuale ha centrato la finale a sei, ma non è riuscito a salire sul podio. Per lui medaglia di legno. una finale emozionante: dopo i primi 125 piattelli sparati, certi di partecipare alla finale a sei erano solo Massimo Fabrizzi, che poi ha conquistato il titolo e Jaromir Wojtasiewicz.

A contendersi gli altri quattro posti liberi la bellezza di sette tiratori con lo score di 122: oltre a Pellielo anche l’altro azzurro Viganò (per entrambi obiettivo raggiunto dopo gli shost off), la medaglia olimpica David Kostelewski, il francese Stephane Clamens, il dominicano Sergio Pinero, l’ungherese Andreas Szollar e lo spagnolo Alberto Fernandez (gli ultimi tre eliminati poi dai giochi medaglia dagli spareggi).

La gara di Pellielo è stata tutta in rimonta: dopo aver commesso due errori nella prima batteria e uno nella seconda, il tiratore azzurro nelle tre successive ha abbattuto 25 piattelli su 25 sparati. In finale tre zero, frutto forse delle energie spese per guadagnarsi un posto al sole nella tranche che assegnava il titolo iridato.

L’Italia e gli azzurri sono sulla buona strada per Londra 2012. Pellielo è in forma, la medaglia di legno ottenuta a questi Mondiali non inganna gli avversari: a Londra 2012 è lui l’uomo da battere.

r.l.