Uncategorized

Woodstock rivive al Civico di Vercelli

Domenica 19 gennaio alle 17:30 al Teatro Civico di Vercelli andrà in scena lo spettacolo “Did We meet in Woodstock?”, un racconto in musica a 50 anni dal Festival di Woodstock. Tutto prende avvio da uno spunto autobiografico: due persone si incontrano a Londra ad anni di distanza dal concerto del ’69. A cinquant’anni dal grande evento, il Festival viene narrato attraverso la rievocazione di alcune tra le più iconiche performance musicali e artistiche: dalla leggendaria chitarra di Santana a quella di Pete Townshend dei The Who, fino alla performance di due grandi donne come Joan Baez e Janis Joplin. Insomma, Woodstock resta ancora oggi una preziosa fonte di piccoli grandi miti e di leggende musicali, al tempo stesso l’apice e la fine del movimento Hippie e di quella dolce rivoluzione che avrebbe dovuto cambiare il mondo… Questo spettacolo tra musica e immagini parte dall’inizio degli anni ’60 per arrivare alla storica esecuzione dell’inno americano da parte di Jimi Hendrix. Scritto da Cinzia Ordine e Roberto Sbaratto, che ne firma anche la regia.

I corsi di Formazione Continua di Città Studi Biella

Il lifelong learning, ovvero l’apprendimento continuo, ha un’importanza strategica sia per rispondere ai fabbisogni delle aziende che per far fronte alle esigenze di aggiornamento dei lavoratori. Città Studi Biella propone 14 percorsi didattici per l’anno 2019/2021, approvati e finanziati dalla Regione Piemonte, attraverso il Fondo Sociale Europeo, tramite l’erogazione di voucher che possono coprire fino al 70% del costo del corso. I corsi si svolgeranno in orario pre-serale e sono rivolti a lavoratori pubblici e privati che desiderano implementare le proprie conoscenze; è prevista anche l’erogazione del voucher alle aziende che necessitano di aggiornare o riqualificare i propri dipendenti. L’offerta formativa si articola in cinque differenti aree tematiche:
Area linguistica: percorsi di lingua inglese (dal principiante all’avanzato) della durata di 60 ore e lingua tedesca livello elementare.
Area organizzativo-gestionale: Elementi di social media marketing-advance, per conoscere strumenti efficaci di promozione e comunicazione online (30 ore) ed Elementi di blogging e web copywriting (30 ore) utile a favorire una maggiore visibilità dei contenuti proposti in rete.
Area tecnologica: Conduttore generatori di vapore – II grado (90 ore), finalizzato a fornire la preparazione necessaria per ottenere l’abilitazione professionale di caldaista.
Area alimentare: Tecniche cucina base (50 ore) e Tecniche cucina avanzata (50 ore) per imparare a realizzare diverse preparazioni, dall’antipasto al dolce; Tecniche pasticceria da ristorazione (50 ore) per realizzare prodotti di pasticceria e dolci al cucchiaio.
Area informatica: innovativo corso di Tecniche di User Experience Design nel mondo reale e digitale (125 ore), che fornisce le competenze di base per progettare un’esperienza utente di valore e per migliorare l’utilizzo dei prodotti digitali.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni:
https://www.cittastudi.org/formazione-continua-2019-2021

A Novara un classico piuttosto moderno

Giovedì 16 Gennaio – alle ore 21 – va in scena al Teatro Nuovo Faraggiana di Novara una versione riveduta e modernizzata del celebre “Don Chisciotte” di Cervantes: si tratta di “Donchisci@tte“, il cui titolo tradisce già in maniera alquanto esplicita la sua dichiarata attualità. Nel ruolo del moderno Don c’è Alessandro Benvenuti, mentre il fedele scudiero è interpretato da Stefano Fresi (coppia già collaudata anche sul piccolo schermo nella serie prodotta da Sky “I delitti del BarLume“). Uno spettacolo molto “social” (Don comunica con l’esterno dal suo canale Youtube e la bella Dulcinea appare soltanto via webcam…) ambientato in una stanza che pare un garage illuminato da intermittenti luci al neon: tra dialoghi surreali e slanci emotivi, in perfetto equilibrio su più chiavi di lettura. Una rilettura moderna di un classico che però non ne tradisce la più profonda essenza. Dove l’alchimia dei due protagonisti è di rara esemplarità.