Cronaca e attualità

Lunedì, rivoluzione parcheggi in centro a Vercelli

La mappa con l'indicazione dei parcheggi alternativi

La mappa con l’indicazione dei parcheggi

Inizieranno lunedì prossimo a Vercelli, in pieno centro, i lavori di risanamento e restauro conservativo degli edifici e di riqualificazione dell’area esterna del complesso denominato “ex Ospedale” con sede in via Viotti. Conseguentemente, l’area comunemente conosciuta come “Parcheggione” verrà chiusa al traffico, è quindi al parcheggio delle auto, sino al 31 dicembre 2015 e comunque fino alla fine dei lavori.

Ne dà notizia con un comunicato l’Amministrazione comunale spiegando che «la chiusura si è resa necessaria per produrre gli interventi previsti dal Piano di interventi per lo sviluppo urbano (Pisu) nell’area e che dovranno vedere la chiusura del cantiere stesso entro il dicembre 2015 pena la perdita dei finanziamenti». Com’è noto, si tratta di circa 13 milioni di euro concessi dall’Unione europea ed erogati attraverso la Regione.

«Si è provveduto – si legge nel comunicato – ad individuare un numero di parcheggi analogo a quelli “persi” disponibili gratuitamente» invdividuabili nella piantina a fianco. «Altri ancora sono in fase di definizione. Tutti ad un massimo 10 minuti a piedi dalla stazione ferroviaria».

«Ci rendiamo conto – spiega il sindaco Maura Forte – che questi lavori potranno provocare alcuni disagi, ma ciò è inevitabile per poter riqualificare l’area del “Parcheggione”».

Vercelli piange il commercialista Luigi Ferraris

Luigi Ferraris

Luigi Ferraris

Incidente mortale ieri sera a Vercelli lungo viale Garibaldi.

A perdere la vita, investito da una motocicletta guidata da un diciassettenne, il noto commercialista Luigi Ferraris di 76 anni.

Il sinistro è avvenuto proprio davanti al bar Garibaldi. Immediati i soccorsi: sia il pedone che il centauro sono stati portati in ospedale al S. Andrea.

Per  Luigi Ferraris  non c’è stato più nulla da fare. Per il giovane ferite lievi.

Sul posto è intervenuta la polizia per i rilievi del caso: per stabilire l’esatta dinamica dello scontro.

Smantellamento del nucleare in Italia: il governo plaude alla competenza di Sogin

Il sottosegretario Bocci in visita alla centrale Fermi di Trino

Il sottosegretario Bocci in visita alla centrale Fermi di Trino

Sogin sta gestendo con grande competenza la fase di decommissioning del nucleare in Italia e in modo particolare negli impianti in provincia di Vercelli. Lo ha detto oggi il sottosegretario all’Interno Giampiero Bocci in visita alla centrale Enrico Fermi a Trino. Il rappresentante del governo ha sottolineato anche la professionalità dei vigili del fuoco messa in campo negli anni di presenza del nucleare nel Vercellese e, in particolare, durante i trasporti nucleari da Trino verso la frontiera. Bocci ha pure riconosciuto il ruolo fondamentale della Protezione Civile, che ha definito “prezioso”, precisando però che «all’interno della Protezione civile è necessario fare chiarezza sui ruoli per evitare sovrapposizioni inutili».

Alla richiesta fatta dall’assessore regionale Valmaggia sull’individuazione del sito nazionale per lo stoccaggio delle scorie radioattive, il sottosegretario si è limitato a confermare che l’iter è stato avviato e che tutto dovrà essere fatto nella massima trasparenza.