(r.l.) Minaccia di farsi esplodere con il gas per evitare lo sfratto. E’ successo ieri in via Fratelli Rosselli a Biella: all’arrivo dell’ufficiale giudiziario per eseguire la procedura di sfratto, Stefano M. di 37 anni, residente a Salussola con vecchi precedenti penali per stupefacenti e resistenza e che vive in casa con l’anziana madre, non ci sta. Dopo un breve diverbio, l’uomo, in evidente stato di alterazione, scaccia l’ufficiale giudiziario e agguanta la bombola del gas pronto ad inondare lo stabile per resistere allo sfratto.

Scatta la chiamata al 113 e sul posto arrivano anche i vigili del fuoco.

L’uomo, tuttavia, è deciso a resistere: resta in casa con la porta e le finestre sbarrate pronto a respingere ogni possibile irruzione della polizia.

Viene così inviato personale della Questura per l’attività di mediazione con l’uomo: dopo una lunga trattativa Stefano M. decide di arrendersi.

L’uomo è stato preso in consegna dal personale della volante e condotto in Questura. Dovrà rispondere di procurato allarme e interruzione di pubblico servizio.