Biella è una città creativa dell’Unesco. La notizia è stata ufficialmente pubblicata sul sito internazionale dell’Unesco, epilogo più che positivo della candidatura biellese per entrare nella rete delle “Creative cities” con il sostegno ufficiale della Commissione italiana UNESCO. Una notizia che potrà avere importanti ricadute sul territorio, e che gratifica chi fin dall’inizio ha creduto nel progetto. Dopo aver superato la prima fase della candidatura, Biella era in attesa, insieme con Bergamo, Trieste e Como, di una conferma ufficiale. Che adesso, finalmente, è arrivata. Biella è Città Creative Unesco nel settore Crafts and Folk Art.  Anche per Bergamo, un gran riconoscimento: quello nel settore della Gastronomia. È stato Michelangelo Pistoletto a disegnare il logo dell’iniziativa. Il sindaco di Biella, Claudio Corradino, aveva detto, all’indomani del superamento della prima fase selettiva: ““Credo con forza nelle potenzialità della candidatura di Biella e questo risultato è davvero importante. Sono convinto che Biella abbia tutte le carte in regola e mi spenderò personalmente in ogni sede istituzionale per raggiungere questo risultato”. Come si dice: missione compiuta.