Coach Corbani soddisfatto della prestazione

Coach Corbani è soddisfatto della prestazione

In sala stampa, al termine dell’incontro vinto dall’Angelico sul Treviglio in Gara1 playoff, Fabio Corbani saluta “affettuosamente” il suo ex vice Vertemati e poi passa a rispondere alla prima osservazione: non è stata l’Angelico che ci aspettavamo…

«Non siamo più quell’Angelico lì, lo sto ripetendo da tempo, dovendo fare a meno di Voskuil abbiamo la necessità di reinventarci e se riusciamo a vincere partite come questa, per come siamo messi ora, dobbiamo avere un sorriso largo così ed è questo che sto cercando di trasferire ai ragazzi».

«Ora non abbiamo più i continui raddoppi su Alan che ci consentivano di lavorare sugli scarichi, di trovarci con il difensore costretto ad inseguirci o fuori posizione, ora siamo tutti marcati uno ad uno e non siamo più liberi di scegliere il nostro gioco, oppure ci troviamo davanti 30 minuti di zona con gli avversari che cercano di sfruttare la nostra limitata pericolosità al tiro. Non siamo più la squadra che puntava ai 100 punti a partita mai ai 70, siamo alla ricerca di un gioco diverso ed abbiamo mille cose da mettere a posto».

«Ho strigliato i ragazzi per alcune situazioni, ma poi ho fatto loro i complimenti per come hanno giocato contro una difesa che, per quanto abbia tentato, non è riuscita a mandarci fuori ritmo e fuori equilibrio. Io sono molto contento di vittorie come questa, ora dobbiamo giocare in modo diverso ma non posso nemmeno snaturare tutti i giocatori per inserire Kyle, che infatti ha finito per giocare poco».

Domenica, ore 18, Gara2 a Treviglio. Come sempre, radiocronaca di Radio City – La città che vive, a partire dalle 17,50.