Arrivati da Novara,  approfittavano della confusione creata nei negozi per rubare capi di abbigliamento e altra merce. Sono undici ragazze e due ragazzi: tutti, salvo una ragazza, minorenni.

Gli agenti della Volante hanno fermato e denunciato i componenti della gang

(c.c.) Da Novara a Vercelli per fare razzia nei negozi. Una banda di ragazzine non ancora, salvo una, maggiorenni della quale facevano parte anche due ragazzi, anche loro minorenni, tutti di origini marocchine e tunisine, ma cresciuti in Italia, è stata fermata l’altro giorno dalla polizia dopo aver rubato e taccheggiato merce in alcuni negozi dell’area commerciale Carrefour. Cinque di loro adesso sono stati denunciati alla procura dei minori di Torino, mentre sugli altri otto sono ancora in corso accertamenti che, probabilmente, porteranno a configurare anche nei loro confronti il reato di furto aggravato, continuato e in concorso.

I componenti della gang rubavano soprattutto capi di abbigliamento: staccavano le etichette e li nascondevano all’interno di buste o di zaini, come quello rinvenuto nei servizi di uno dei negozi da loro visitato. Ma non disdegnavano anche piccoli gioielli, accessori ed altra merce; la tecnica era sempre la stessa: due ragazze distraevano la commessa mentre gli altri razziavano quel che potevano.

Gli agenti della Volante, intervenuti in seguito alla chiamata della titolare di uno dei negozi, hanno rintracciato alcuni componenti della banda ancora nell’area commerciale ed altri sono stati fermati nei pressi della stazione, in attesa di fare ritorno a Novara. Con loro avevano la merce rubata: giubbotti, orologi e vari braccialetti.

Da notare che a capo della gang non c’erano i due ragazzi, come verrebbe da supporre, ma una ragazzina appena quindicenne. Nel branco, a comandare, erano le donne.