Publycom

Questo utente non ha condiviso alcuna informazione biografica


Post di Publycom

LILT Biella: 31 maggio, Giornata Mondiale senza Tabacco

ITIS e Istituto Comprensivo di Cossato presentano i risultati di un innovativo progetto di peer education
Tabacco ed alcol. Sono questi due temi che riguardano da vicino i nostri ragazzi che, dinnanzi a bisogni psicologici e di crescita che si presentano in adolescenza, si avvicinano a sostanze il cui consumo può comportare importanti problemi.
Compito della nostra società è quello di fare in modo che i ragazzi compiano scelte consapevoli e sappiano come dire “no”.
In questa direzione si è mossa LILT Biella che, in collaborazione con l’ITIS e l’Istituto Comprensivo di Cossato ha impostato un innovativo progetto intitolato “Pratiche di prevenzione” i cui metodi e risultati saranno presentati giovedì 31 maggio, dalle ore 20.30 presso l’Aula Magna dell’ITIS di Via Rosselli.
“Il progetto è iniziato due anni e mezzo fa – afferma Antonella Fornaro, psicoterapeuta responsabile del settore educazione alla salute nella scuola di LILT Biella”.
Il progetto è originale per le metodologie che sono state applicate. A tutti gli studenti partecipanti sono stati consegnati questionari di valutazione utili, da un lato, per avere un quadro sul consumo di tabacco ed alcol tra gli studenti, dall’altro per verificare il cambiamento degli atteggiamenti nei confronti di fumo ed alcol al termine dell’intervento.
L’evento è aperto a tutti: ai ragazzi di tutte le età, ai genitori e agli insegnanti che desiderano scoprire come è possibile comunicare, educare e fare prevenzione seguendo nuovi percorsi che stimolando interesse, uniscano efficacia e divertimento.
La serata vedrà la partecipazione attiva dei peer e degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, con un susseguirsi di momenti di intrattenimento divertenti ed originali, pensati e realizzati dai ragazzi stessi.

Cenacoli e artisiti a confronto

Scherzosamente lo chiamano tandem. Per chi è assiduo frequentatore dell’Università Popolare di Vercelli, si tratta dell’ingegnosa formula adottata dalla sua Presidente, Professoressa Paola Bernascone Cappi, e dal Responsabile del settore Tursimo Pier Luigi Pensotti per appassionare i suoi studenti con un modo curioso ed originale di ripercorrere la storia artistica del nostro paese, ovvero concatenandola alla sua altrettanto ricca tradizione gastronomica. Martedì 29 maggio l’esperimento si ripete; il duo Bernascone & Pensotti farà gli onori di casa, nell’Arca di San Marco, con la conferenza “Leonardo e Gaudenzio. Cenacoli a confronto” programmata per le ore 21.00. Due rappresentazioni dell’Ultima Cena, la più conosciuta del grande genio di Leonardo Da Vinci da una parte e dall’altra, in continuità con la mostra dedicata all’arte manierista di Gaudenzio Ferrari, il Cenacolo di Santa Maria della Passione. Ad accomunare gli artisti, oltre la stessa fonte di ispirazione, è sicuramente la città che ospita il loro talento, Milano. Spetterà dunque a Pensotti introdurre i pittori e descrivere il loro intento tradotto su tela, all’Accademica dell’Accademia Italiana di Cucina spetteranno invece approfondimenti culinari. L’occasione sarà di spunto per raccontare il debutto radiofonico dell’Unipop sulle frequenze di Radio City che, grazie all’impegno della Presidente Bernascone, collateralmente al vernissage cittadino su Guadenzio, sta trasmettendo una rubrica gastronomica rinascimentale di grande successo. Per informazioni e adesioni contattare la segreteria di via Attone Vescovo 4, al numero 0161/56285.

“In robot veritas”: a Gli Orsi arriva Beppe, il robot-sommelier dell’istituto Gae Aulenti di Biella

Il centro commerciale Gli Orsi si prepara per “In robot veritas”, una sorprendente attività che vedrà come protagonista “Beppe”, il robot-sommelier ideato dall’istituto Gae Aulenti di Biella che ha già conquistato una fama internazionale e che sarà ospitato all’interno della galleria commerciale domenica 27 maggio, dalle 15.00 alle 18.00.
Durante la giornata tutti i visitatori potranno osservare il Robot all’opera, mentre effettuerà l’analisi di alcuni vini, sia tramite un “assaggio” che attraverso la lettura e l’elaborazione delle loro etichette. Beppe è infatti in grado di individuare la provenienza del vino, di elencarne le caratteristiche e di suggerire i piatti da abbinare, proprio come un essere umano.
Il robot, dotato di Intelligenza Artificiale, è stato progettato dagli studenti dell’Istituto di istruzione superiore Gae Aulenti di Biella, insieme al professor Giuseppe Aleci e al professor Roberto Donini, con la volontà di rendere 4.0 anche un settore come l’agroalimentare. Sfruttando appositi sensori, Beppe può analizzare il ph e dare informazioni sul livello di acidità, la presenza di solfiti, il grado alcolico, persino il colore del vino, grazie alla sua capacità di colloquiare con terzi.
Il robot-sommelier impiega i servizi Microsoft cognitive per il riconoscimento visivo, ottenendo così una descrizione precisa di ciò che inquadra. Inoltre, sfruttando una tecnologia object-tracking, memorizza ogni etichetta, creando un piccolo catalogo di vini. L’“assaggio” vero e proprio avviene attraverso sensori digitali e manuali. I giudizi forniti sono quindi molto simili a quelli di un esperto del settore.