Publycom

Questo utente non ha condiviso alcuna informazione biografica


Post di Publycom

“In robot veritas”: a Gli Orsi arriva Beppe, il robot-sommelier dell’istituto Gae Aulenti di Biella

Il centro commerciale Gli Orsi si prepara per “In robot veritas”, una sorprendente attività che vedrà come protagonista “Beppe”, il robot-sommelier ideato dall’istituto Gae Aulenti di Biella che ha già conquistato una fama internazionale e che sarà ospitato all’interno della galleria commerciale domenica 27 maggio, dalle 15.00 alle 18.00.
Durante la giornata tutti i visitatori potranno osservare il Robot all’opera, mentre effettuerà l’analisi di alcuni vini, sia tramite un “assaggio” che attraverso la lettura e l’elaborazione delle loro etichette. Beppe è infatti in grado di individuare la provenienza del vino, di elencarne le caratteristiche e di suggerire i piatti da abbinare, proprio come un essere umano.
Il robot, dotato di Intelligenza Artificiale, è stato progettato dagli studenti dell’Istituto di istruzione superiore Gae Aulenti di Biella, insieme al professor Giuseppe Aleci e al professor Roberto Donini, con la volontà di rendere 4.0 anche un settore come l’agroalimentare. Sfruttando appositi sensori, Beppe può analizzare il ph e dare informazioni sul livello di acidità, la presenza di solfiti, il grado alcolico, persino il colore del vino, grazie alla sua capacità di colloquiare con terzi.
Il robot-sommelier impiega i servizi Microsoft cognitive per il riconoscimento visivo, ottenendo così una descrizione precisa di ciò che inquadra. Inoltre, sfruttando una tecnologia object-tracking, memorizza ogni etichetta, creando un piccolo catalogo di vini. L’“assaggio” vero e proprio avviene attraverso sensori digitali e manuali. I giudizi forniti sono quindi molto simili a quelli di un esperto del settore.

AL VIA LA 6^ CALL DI HANGAR POINT: possibile inviare la candidatura fino al 18 giugno 2018

Novità di questa edizione è la possibilità di partecipazione anche per i Comuni e le realtà istituzionali che fanno riferimento a enti pubblici.

Al suo quarto anno di vita Hangar Point diventa un’opportunità anche per i Comuni e le realtà istituzionali che fanno riferimento a enti pubblici, quali i musei civici e le biblioteche. Il progetto, promosso dall’Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Piemonte e coordinato dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, prevede come sempre un programma di affiancamento professionale per le 15 organizzazioni culturali che verranno selezionate. Per quattro mesi i soggetti ritenuti meritevoli avranno accesso a un percorso di sostegno curato da un team di esperti sulle seguenti aree strategiche: project management, comunicazione strategica, consulenza aziendale e fundraising insieme audience development, per imparare ad allargare e differenziare i target di pubblico, strategie di innovazione, per individuare prodotti, strumenti e metodologie che aiutino a innescare processi innovativi, e marketing territoriale, per individuare e valorizzare le potenzialità che possono contribuire allo sviluppo del proprio territorio. Nei successivi due mesi è previsto un monitoraggio dell’attività. Il bando è rivolto alle associazioni legalmente costituite, le fondazioni, le associazioni di promozione sociale, le Ong, le Onlus e le Onlus di diritto, le cooperative e le cooperative sociali, le imprese sociali e le start up innovative a vocazione sociale iscritte all’apposita sezione del registro delle imprese e, con questa VI call, anche ai Comuni.
Hangar Point, insieme a Hangar Lab e al nuovo Hangar Book fanno parte di Hangar che ha come scopo quello di diffondere la cultura progettuale e potenziare la capacità di ciascuno di prendere decisioni strategiche. Si possono scoprire tutti i dettagli e le opportunità vistando il sito www.hangarpiemonte.it

 

L’importanza della salute: LILT Biella per te… a Roasio

Sabato, 26 maggio, alle ore 15.30, presso la Sala Polifunzionale, ex Circolo Virtus, di Roasio, si terrà un incontro in cui si parlerà di salute, alimentazione e prevenzione.
L’evento è stato promosso dal Museo dell’emigrante ed ha ottenuto il patrocinio da parte del Comune di Roasio; la collaborazione con LILT Biella avviene attraverso la voce e l’esperienza del dott. Giuseppe Franco Girelli, oncologo radioterapista dell’ASL di Biella e storico collaboratore LILT.
“La prevenzione è, a tutt’oggi, l’arma migliore contro il cancro – afferma Daniela Alberici Mancini, Vicepresidente di LILT Biella – e la prevenzione parte dalla conoscenza. Per questo abbiamo accolto con grande piacere l’invito del Museo dell’Emigrante Roasio per divulgare in modo scientifico temi di grande attualità. Se è vero che oggi tramite il web troviamo davvero molto, è altrettanto vero che quel “molto” contiene non solo informazione, ma “dis-informazione”. Per questo un medico come il dott. Girelli, supportato da dati di ricerche internazionali, potrà trasmettere in modo coinvolgente e interessante conoscenze che rendono ragione della scientificità dell’importanza della prevenzione”.
“Abbiamo pensato a questa conferenza per diversi motivi – afferma Francesca Feretti, Presidente dell’Associazione Museo dell’emigrante; innanzitutto riteniamo che i servizi di prevenzione e diagnosi precoce offerti da LILT Biella possano essere risorse importanti anche per chi abita nella nostra zona, dove ancora molti non sono a conoscenza delle nuove opportunità di salute presenti a Spazio LILT. In secondo luogo, questa idea ci è venuta in seguito al riscontro avuto da alcuni nostri soci che sono rimasti molto colpiti dalla struttura e dalle attrezzature all’avanguardia con cui vengono effettuate le indagini diagnostiche”.
Alimentazione, attività fisica, fumo di tabacco, abitudini culturali sono alcuni degli argomenti che si svilupperanno a Roasio nel corso del pomeriggio del prossimo sabato.