admin

Questo utente non ha condiviso alcuna informazione biografica


Post di admin

Una domenica dedicata ai “Castelli di parole”

Il castello di Buronzo

Si parte dal riso, tesoro culturale, storico e gastronomico del territorio vercellese, per inaugurare, domenica 18 ottobre 2020, la rassegna “Castelli di parole”, appuntamenti aperti a tutti su ambiente, territorio e storia, per conoscere ed apprezzare due incantevoli comunità vercellesi: Buronzo e Rovasenda. Inaugura la rassegna il castello di Buronzo con un incontro sul riso, elemento che – appunto – ha influenzato fortemente la storia di questo territorio dalla lunga vocazione agricola. Domenica 18 ottobre 2020 si inizia alle 15.00, con una visita guidata tematica dal titolo “Dal castello alla terra. Memorie, esperienze e curiosità di riso in Baraggia”, condotta dal referente scientifico del progetto Gabriele Ardizio (ingresso 5 euro, gratuito under 15). Alle 16.30, nel Loggiato Grande del castello,il giornalista e scrittore esperto di riso Massimiliano Borgia, Valentina Masotti, food writer e sommelier del riso, Massimo Biloni, agronomo,Presidente della Strada del Riso Vercellese di Qualità e fondatore di Acquaverderiso ed Elena Pagliarino ricercatrice del Consiglio Nazionale delle Ricerche – CNR sono gli ospiti della conferenza ad ingresso libero “Parole di riso, chicchi e chiacchiere dal campo alla tavola”, moderata dalla giornalista ambientale Bianca La Placa; seguirà un piccolo laboratorio sensoriale intitolato “Il riso e i 5 sensi”, per raccontare concretamente una suggestiva modalità di scoperta del riso. Le misure di distanziamento anti-covid impongono una limitazione dei posti disponibili, per partecipare è quindi necessario prenotare inviando una mail a castellidicomunita@gmail.com L’evento sarà anche trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook di Castelli di Comunità. I castelli di Buronzo e Rovasenda ospiteranno alternativamente gli eventi mensili della rassegna, che saranno strutturati in questo modo: in apertura è prevista una visita guidata tematica al castello, a seguire una conferenza tenuti da esperti e organizzati intorno ad una tematica diversa per ogni incontro e infine un’attività pratica o laboratoriale per essere protagonisti della giornata. Gli appuntamenti successivi saranno legati a temi quali il cibo, l’arte, l’ambiente e concluderà la rassegna, a maggio 2021, lo spettacolo teatrale organizzato secondo la metodologia del Teatro di Comunità, che si basa sulla creazione di eventi culturali in collaborazione con la comunità locale, che sarà coinvolta attivamente nella produzione della rielaborazione artistica. Il progetto Castelli di Comunità – Luoghi per il futuro della Civiltà del Risoè organizzato dall’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé Futuro Onlus in collaborazione con i Comuni di Buronzo e Rovasenda, il CNR – Ircres, la Cooperativa Sociale Stranaidea ed è finanziato dalla Fondazione Compagnia di San Paolo.

Autunno all’Oasi Zegna

Casa Zegna

In autunno l’Oasi Zegna è un’esplosione di colori caldi che sembrano abbracciare i visitatori. Il giallo, il rosso, il marrone e l’arancio degli alberi sono la scenografia adatta alle tante iniziative di questo periodo, come le Giornate FAI d’autunnole passeggiate guidate nei boschi, le esperienze di Forest Therapy e le degustazioni dei tanti menù autunnali studiati dalle tante strutture del territorio. La gita nella natura, il pranzo in un agriturismo, la passeggiata con il proprio cane nella quiete del bosco ha una conclusione ideale: una visita nel cuore dell’oasi Zegna. A Trivero Valdilana, alle spalle dell’antico Lanificio, si trova Casa Zegna, polo culturale in continua trasformazione che ospita iniziative di vario genere, compresi i laboratori per i bambini. Avete ancora qualche settimana per programmare la visita. Dal 15 novembre 2020, infatti, la struttura chiuderà come di consueto per il periodo invernale e ritornerà ad aprire le porte ai visitatori nella primavera con nuove iniziative e nuove mostre. Le esposizioni temporanee, una o due all’anno, si sono succedute sempre lasciando un segno nell’ambiente che le ha accolte o organizzate. E anche l’allestimento permanente, intitolato ‘From Sheep to Shop’, è stato aggiornato, rivisitato, trasformato. Nella versione che potete ammirare ora, fotografie d’epoca, materiale d’archivio, campioni di tessuti e antiche pubblicità raccontano la storia ultracentenaria del Gruppo. L’azienda è stata fondata nel 1910 a Trivero da Ermenegildo Zegna, imprenditore illuminato, convinto che imprenditorialità, etica ed estetica potessero convivere. ‘From Sheep to Shop’ è il racconto di un’azienda familiare che da quattro generazioni è impegnata a perpetuare questa visione. Sempre attenta all’eccellenza, con il controllo dell’intera fi­liera, dagli allevamenti alle boutique in un passaggio produttivo che dall’inizio alla fine incontra più di 500 mani. L’appendice documentaria ‘Dai Boschi di Ermenegildo Zegna alla Zegna Forest‘ racconta molto del futuro dell’Oasi Zegna. Parla del rapporto centenario che intreccia azienda e territorio, riferimento nel suo genere, e le problematiche legate alla gestione dei boschi e del paesaggio che Ermenegildo Zegna ideò e realizzò a partire dai primi decenni del secolo scorso. Una storia che continua tutt’ora; un amore per il territorio che non si è spento e che nei tempi recentissimi ha dato visita al progetto di ‘Zegna Forest’ (scopri qui tutti i dettagli)per mantenere i boschi in salute e per contrastare gli effetti negativi del cambiamento climatico. 

A passo di Danza

Al Teatro Erios di Vigliano Biellese torna la Fondazione Egri per la Danza con la Compagnia EgriBiancoDanza, per la diciottesima edizione dei IPUNTIDANZA: un nutritissimo calendario di spettacoli e collaborazioni artistiche che risulta tanto più valido e variegato, nonostante le ovvie difficoltà del periodo, quanto si aggiungono nuove e autorevoli sinergie con diverse realtà del territorio. In particolare la RASSEGNA INTERSCAMBI COREOGRAFICI sarà proposta in esclusiva, nella provincia di Biella, da ottobre 2020 a maggio 2021, attraverso una ricca proposta coreografica ad opera di importanti compagnie del territorio nazionale e internazionale: l’obiettivo è di creare una piccola ma preziosissima oasi per tutti gli estimatori con un’offerta di altissimo prestigio. Tra le numerose compagnie nazionali ed internazionali in cartellone citiamo la lituana Aura dance Company, il Balletto Teatro di Torino (BTT), e la Compagnia Tcheckpo – Tans Haus di Dusseldorf: in programma anche workshop, incontri col pubblico e spettacoli pensati per le scuole. La danza entra così, con la sua magia, anche nel bagaglio culturale delle generazioni più giovani aprendo loro un nuovo modo di immaginare l’Arte. Il primissimo appuntamento con gli spettacoli a teatro sarà per domenica 11 ottobre alle ore 21 al Teatro Erios di Vigliano Biellese con la Compagnia EgriBiancoDanza che porterà in scena Let’s Dance, uno spettacolo di danza pieno di energia e divertimento, con balletti di gruppo e assoli coinvolgenti, che sapranno comunicare in modo diretto agli spettatori le molteplici sfumature artistiche della Danza in tutte le sue più svariate forme.