Anche quest’anno torna NataLeone, il calendario di eventi natalizi che il Museo Leone di Vercelli dedica a tutti, bambini e adulti, per trascorrere insieme le festività. Anche per l’edizione 2019 della rassegna si andrà alla scoperta di curiosità e meraviglie tra storia, arte e archeologia. Ma soprattutto, come tradizione, sarà un Natale all’insegna della solidarietà. Anche per quest’anno, infatti, la slitta di NataLeone è partita con il giusto anticipo: già dalla scorsa domenica 8 Dicembre, sia al Museo Leone sia al Mac – Museo Archeologico della Città di Vercelli, ha avuto inizio la missione solidale, che, per il sesto anno consecutivo, si svolgerà in collaborazione con i Gruppi di Volontariato Vincenziano della Città di Vercelli a favore dei quali, nel cortile di Casa Alciati, sede del Museo Leone, e all’ingresso del Museo Archeologico in Corso Libertà 300 – via Farini 5, sarà possibile consegnare giocattoli, purché in buono stato di conservazione, abiti per bambini (0 – 12 anni) nuovi o usati, ma comunque necessariamente anch’essi in buono stato, e soprattutto, se disponibile, biancheria domestica (lenzuola, coperte, strofinacci da cucina, tovaglie da tavolo). Il tutto andrà a soddisfare la richiesta di chi, come l’opera vincenziana ed i suoi volontari, sono quotidianamente impegnati nell’aiuto e nel conforto dei più bisognosi. Per tutti coloro che si presenteranno per la consegna l’ingresso in museo sarà per l’occasione gratuito. La raccolta proseguirà fino al 5 gennaio 2020, data di chiusura degli eventi NataLeone. Eventi NataLeone che avranno inizio domenica 15 dicembre alle ore 17.30 presso il Corridoio delle Cinquecentine del Museo Leone con la prima delle due conferenze – aperitivo che quest’anno sarà tenuta dal professor Andrea Spiriti, Ordinario di Storia dell’Arte presso l’Università degli Studi dell’Insubria che parlerà di “Il Classicismo a Vercelli nel primo Cinqucento”, un vero e proprio viaggio storico e artistico tra le meravigliose dimore nobiliari cinquecentesche di Vercelli e i capolavori che le decorano: dalla Casa Alciati del Museo Leone fino a Palazzo Centoris, passando per Palazzo Verga e il suo elegante studiolo affrescato ma ai più sconosciuto. Finale dedicato ad un brindisi per gli auguri natalizi che saranno accompagnati dal Risotto offerto da “Gli Aironi –Risi & co” di Lignana e cucinato dallo Chef Massimiliano Massara del Ristorante Interno3 di Vercelli. Uno speciale appuntamento è invece fissato al Mac – Museo Archeologico della Città di Vercelli per lunedì 23 dicembre dalle ore 9 alle ore 12, con “Una Mattina al MAC”, attività per bambini e ragazzi tra i 6 e i 12 anni pensate per le giornate di vacanza da scuola, allo scopo di trasformarle in un momento per divertirsi imparando qualche curiosità attraverso laboratori, sperimentazioni, rievocazioni e giochi. Per l’occasione si andrà alla scoperta dei Saturnalia: la festa che si celebrava dal 17 al 23 dicembre sotto la protezione di Saturno, ovvero il Dio della Felicità, quando i Romani si riunivano per festeggiare, lasciando da parte i lavori quotidiani, per dedicarsi esclusivamente all’ozio e al divertimento. I giovani partecipanti, dopo un divertente gioco tra le sale del museo e una merenda natalizia tutti insieme, realizzeranno antiche decorazioni, gli OSCILLA romani, da appendere all’albero di Natale. Domenica 5 Gennaio, alla riapertura del Museo dopo la pausa natalizia (che andrà dal 23 dicembre al 4 gennaio), NataLeone avrà il suo epilogo quando alle 17.30 la dott.ssa Silvia Muzzin – Cultore di Storia dell’Arte Medievale presso l’Università del Piemonte Orientale e consulente dell’Arcidiocesi di Milano per l’Ufficio Beni Culturali – spiegherà, attraverso la conferenza “Alle Origini del Gotico Vercellese. Prima di Guala e di Sant’Andrea”, come in realtà il medioevo vercellese vivesse del dualismo non solo artistico, ma anche politico, delle due cattedrali cittadine. Al termine della conferenza, anche questa volta, piccolo aperitivo del territorio per accogliere insieme l’Anno nuovo.