Archivio di Ottobre 2020

Passeggiate nella Brughiera

Il foliage nei boschi secolari della Brughiera, zona dell’Oasi Zegna particolarmente ricca di castagni che in autunno sfoggiano una tavolozza di tonalità calde che dal giallo virano all’arancio e al marrone. Grazie alla sua conformazione naturale, nel mese di novembre offre uno spettacolo meraviglioso grazie ai colori dell’autunno che regalano sensazioni meravigliose e panorami imperdibili per gli amanti della fotografia. Prima che le temperature si abbassino e la luce diventi sempre meno intensa, Oasi Zegna dedica ai colori dell’autunno altri tre weekend alle passeggiate a caccia dei colori dell’autunno con le guide naturalistiche di OverAlp. Dopo gli appuntamenti di ottobre 2020 alla scoperta del Bosco del Sorriso, le escursioni guidate del mese di novembre 2020 conducono in Brughiera, a ridosso di Trivero Valdilana, per osservare la trasformazione in atto nei castagni, nelle robinie e nei boschi cedui della zona. Al termine della passeggiata nella natura è possibile visitare il Santuario mariano Nostra Signora della Brughiera (XV e XVII secolo) che è tra i più importanti del Piemonte. Tre sono i weekend dedicati alle passeggiate in Brughiera per un totale di 12 uscite (due al sabato, alle 10.30 e alle 14.30, e due alla domenica, stessi orari), per rispondere alle esigenze del maggior numero possibile di persone. Ecco le date: 31 ottobre e 1 novembre; 7 e 8 novembre; 14 e 15 novembre. La prenotazione è obbligatoria. Perché l’esperienza sia piacevole è bene ricordare che ci si trova a 800 metri di altitudine. E’ raccomandato un abbigliamento adatto alla montagna in autunno, con pile e giacca a vento. Molto importanti le calzature: sono consigliati gli scarpe da trekking o scarponcini da montagna. E siccome camminare nella natura stimola un sano appetito, queste uscite sono la giusta occasione per gustare l’autunno anche a tavola, scegliendo tra i piatti del territorio che in questa stagione contano, ad esempio, la polenta concia o le caldarroste. Al termine della passeggiata del mattino o poco prima rispetto a quella pomeridiana, il ristorante Il Castagneto, il ristorante dell’albergo Bucaneve e l’agriturismo Cascina Il Faggio sapranno proporvi le specialità del momento cucinate con i prodotti del territorio. Tutti i dettagli su oasizegna.com

A Città Studi Biella tornano “I venerdì della sicurezza”

Le misure di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori hanno il fine di migliorare le condizioni di lavoro e di ridurre la possibilità di infortuni a lavoratori, collaboratori esterni e a chi si trova, anche occasionalmente, all’interno dei luoghi di lavoro. Tali misure devono essere adottate per proteggere chi opera in tali ambienti da possibili danni alla salute, quali infortuni e malattie pericolose. A tal fine i lavoratori devono essere idoneamente informati e formati con corsi base e di aggiornamento periodici. In quanto soggetto formatore accreditato presso la Regione Piemonte Città Studi Biella propone “I venerdì della sicurezza”, una serie di incontri specifici validi per l’aggiornamento nel campo della sicurezza sul lavoro che interessano le figure professionali: RSPP, ASPP e i coordinatori della sicurezza dei cantieri, ma sono comunque rivolti a tutte le persone che sono interessante ad approfondire i temi trattati durante gli incontri. La collaborazione continua con SITA Academy di Treviso, azienda leader di settore nel panorama nazionale, e l’esperienza maturata da Città Studi, in oltre 25 anni di attività in questo settore, ha guidato la scelta dei criteri e dei metodi di realizzazione dei corsi, affidati a tecnici e specialisti con un approccio interattivo e pratico, in grado di dare risposte concrete alle esigenze operative dei partecipanti. Per favorire il trasferimento di competenze e ottimizzare i livelli di efficacia e per agevolare l’interazione docente/allievo, inoltre, sono state privilegiate metodologie didattiche innovative, che si avvalgono di role playing, di simulazioni e di lavori di gruppo. In calendario 4 incontri che si svolgeranno il venerdì in orario pomeridiano per i primi tre incontri della durata di 4 ore e a partire dalla mattina per l’ultimo di 8 ore. Il primo corso, condotto da Marco Magro docente AIFOS, si svolgerà il 6 novembre e affronterà il tema del Regolamento 425/2016 europeo e dei criteri da adottare nell’acquisto dei dispositivi di protezione individuali (DPI).Seguirà un secondo appuntamento il 13 novembre sul tema della Gestione del rischio e dei processi decisionali, l’incontro vedrà il coinvolgimento del docente Martino Meneghini che, attraverso la sua esperienza di Primo Ufficiale Pilota, approfondirà i temi della leadership, della personalità e del comportamento, della sicurezza e delle abilità non tecniche (Non-technical skills). Il 20 novembre, grazie all’intervento di Lorenzo Fantini, giuslavorista esperto di politiche della prevenzione e docente AIFOS, si tratterà il tema della Responsabilità in materia di infortuni e malattie professionali, con un focus sui recenti sviluppi giuridici e in particolare sul tema del Covid-19. Venerdì 27 novembre il titolo dell’ultimo incontro sarà Mettiamoci al sicuro. Durante la giornata si affronterà il piano di emergenza e di evacuazione, con relative prove e sensibilizzazione del personale. Nelle 8 ore di corso i partecipanti potranno avvalersi dell’esperienza professionale del docente Ivan Gaioni di SITA Academy. I corsi sono accreditati dal Collegio dei Geometri e dei Geometri laureati della provincia di Biella e dal Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali laureati delle province di Biella e Vercelli per l’ottenimento di 4 CFP per i primi 3 corsi e di 8 CFP per quello di 8 ore. Per conoscere in dettaglio il catalogo completo de “I venerdì della sicurezza” e richiedere ogni ulteriore informazione, è possibile contattare l’Ufficio Formazione Sicurezza, in Corso G. Pella 10, telefonando al n. 015.8551122, scrivendo all’indirizzo email: formazione.sicurezza@cittastudi.org.

Teatro Coccia di Novara: l’Arte della Resilienza

La capacità di un individuo di generare fattori biologici, psicologici e sociali che gli permettano di resistere, adattarsi e rafforzarsi, a fronte di una situazione di rischio, generando un risultato individuale, sociale e morale” sono le parole del poeta peruviano Oscar Chapital Colchado. Sono le parole che definiscono un’attitudine dell’uomo, ma anche della natura e degli esseri umani in genere: la resilienza. Termine che meglio di ogni altro definisce oggi la condizione del mondo dell’arte, dello spettacolo, del teatro. Di tutti i teatri del mondo. Del Teatro Coccia di Novara sicuramente. In un momento complesso come quello attraversato, e ancora in corso, il teatro di Via Rosselli si adatta alle circostanze, si aggiorna sulle misure di sicurezza e programma una prima parte di stagione che possa adeguarsi non solo alle regole dettate dal distanziamento, ma anche all’utilizzo di spazi “altri” dalla sala teatrale.Con i lavori di ristrutturazione in corso – che presto restituiranno a Novara un teatro nuovo e ancor più sicuro – il Teatro Coccia si sposta sulla città e esporta le sue produzioni in uno dei posti più affascinanti e amati del centro storico cittadino: l’Arengo del Broletto. La stagione autunno inverno 2020, firmata dalla direzione artistica del direttore del Teatro, Corinne Baroni, si articola da Ottobre a Dicembre, e porta in scena 8 titoli prodotti dal Teatro Coccia che ne descrivono la missione: la musica e l’opera, ma anche la sua vocazione per l’innovazione e la contemporaneità. Spazio alle contaminazioni tra le arti, tra musica, pittura, danza, scultura, multimedialità e produzioni inedite, commissionate dal Coccia, che continua così di fatto il suo percorso di investimento nel futuro dell’opera lirica. Si inizia con Stabat Mater di Pergolesi, poi incontri con l’arte a la parola con Valanzuolo e Rondoni.

Protagonisti anche il Vescovo di Novara e Cosimo PintoCassandra diventa un’opera a firma di Marco Podda e spazio all’opera barocca con L’ammalato immaginario diVinci. Evento extra-ordinario: 24.12.2016 Papa watch me fly, un’operazione assolutamente inedita di CM Rhythms & Drums.Infine in occasione dell’Opera World Day 2020Alienati. Opera Smart Working torna fruibile gratuitamente per 24 ore sulla piattaforma OnTheatre inserendo il codice OPERAWD20 al momento dell’acquisto. I biglietti sono in vendita a partire presso la biglietteria del teatro e sul sito www.fondazioneteatrococcia.it