Archivio di Luglio 2020

All’Oasi Zegna è tutta un’altra musica…

Musica classica all’Oasi Zegna. Tre concerti fanno da colonna sonora alla scoperta dei magnifici scenari del nostro territorio fatto di una natura incontaminata, boschi e montagne. Il repertorio è vasto e da Mozart Rossini arriva fino a Piazzolla e Abreu. In scena ci sono gli appassionati clarinettisti del quartetto Euphòria che negli ultimi anni hanno tenuto concerti in tutto il mondo (Australia, Turchia, Canada, Canarie e in tutta Europa) e che arrivano all’Oasi Zegna per ben due date (9 e 30 agosto) e il duo violoncello-contrabbasso (Camilla Patria e Tommaso Fiorini) del Progetto Giovani dell’Orchestra della Filarmonica Teatro Regio di Torino. Il primo appuntamento è domenica 2 agosto. Due visite guidate ai progetti espositivi che raccontano il passato e i progetti futuri della Fondazione Zegna (info www.fondazionezegna.org) precedono il concerto – è alle 16.30 – di Camilla Patria e Tommaso Fiorini con musiche di Michele di Pleyel, Rossini, Dragonetti, Goltermann, Corelli, Reinecke, Fiorini. Prima del concerto, alle 15.30 e alle 16, le visite guidate portano alla scoperta della mostra ‘From Sheep to Shop’, sulla genesi del gruppo Zegna, e del progetto Zegna Forest (scoprite qui come partecipare attivamente) che si occupa di tutelare i nostri boschi dalle conseguenze del cambiamento climatico. L’accesso al concerto è libero, ma è necessario prenotarsi via sms o whatsapp al 370.3031220 o via mail a segreteria@nuovoisi.it Il numero di posti è ridotto per le normative anti-covid. Ancora estate in musica nelle domenica del 9 agosto (ore 17 in Brughiera) e del 30 agosto (ore 16 al Centro Zegna) con il quartetto di clarinetti dell’Associazione Musicale Euphòria di Valdilana. In programma musiche di Bach, Mozart, Rossini, Shubert, Debussy, Lecuona, Mancini, Abreu, Piazzolla e Kondo. Attivi anche nelle scuole, i musicisti del quartetto si dedicano alla divulgazione del proprio repertorio con l’intento di essere da stimolo per l’avvicinamento dello studio della musica.

Concerto di S.Eusebio a Vercelli

Che il 2020 si sia aperto con un periodo tra i più difficili della storia non solo recente, è risaputo. Che la voglia di tornare a guardare avanti sia tanta, è altrettanto evidente. E sotto questo aspetto la musica può dare un segnale importante, sia simbolico sia pratico, riprendendo la splendida abitudine di vivere di persona i concerti. In più, il 1 agosto, festa di S. Eusebio , è da tempi remotissimi la data della celebrazione delle radici e delle tradizioni vercellesi: un giorno che fa parte della storia e del vissuto di intere generazioni di persone. Unire questi due aspetti in una serata all’insegna della musica e della bellezza è l’obiettivo del Concerto di S. Eusebio di quest’anno, che si terrà come di consueto nella Basilica di S. Andrea a Vercelli e che è organizzato e realizzato dalla Camerata Ducale con la collaborazione dell‘Amministrazione Comunale. Appuntamento molto sentito e atteso dalla cittadinanza vercellese che da sempre partecipa in modo numeroso: per questo motivo, in considerazione del numero limitato dei posti disponibili, è stato deciso di realizzare il concerto due volte, in orario serale, il primo spettacolo alle ore 20 e il secondo alle ore 21.30. Il concerto sarà rigorosamente a ingresso libero, ma nel rispetto delle normative anticontagio sarà indispensabile la prenotazione, che si può effettuare scrivendo a biglietteria@viottifestival.it. L’incipit del concerto è affidato alle note toccanti dell’Ave Maria di Schubert per violino e orchestra. Seguiranno due autentici capolavori come il Concerto per flauto e arpa K299, in assoluto tra le opere più suggestive di Mozart, e la splendida quanto celebre Sinfonia “Alleluja” di Haydn, caposaldo del periodo preromantico. Ad eseguire queste pietre miliari del repertorio classico, insieme all’Orchestra Camerata Ducale diretta da Guido Rimonda, saranno due solisti di raro talento e sensibilità quali Valerio Lisci all’arpa e Alessandro Longhi al flauto. Un’edizione di S. Eusebio tutt’altro che in tono minore, dunque. Al contrario, si tratta di un concerto che vuole rappresentare la forza dello spirito vercellese e quella speranza nel futuro che non è semplice illusione, bensì la voglia autentica di partecipare e condividere, contribuendo alla costruzione di un domani più sereno.

Torna la “Fiera d’Agosto”

A Novara sta per tornare la “Fiera d’Agosto“: una doppia occasione nel fine settimana (sabato 1 e domenica 2 Agosto). “E’ il primo effettivo appuntamento per gli ambulanti finalizzato a rilanciare la loro attività – ha spiegato l’assessore al Commercio Elisabetta Franzoni – dopo un difficile periodo che ha avuto ripercussioni pesanti sul piano economico: ad agosto, come da tradizione, torniamo a proporre un appuntamento che verrà ripetuto, regole permettendo, anche nei mesi di novembre e marzo 2021, naturalmente nel pieno rispetto delle normative.” In effetti, a causa del lockdown per l’emergenza sanitaria, l’appuntamento della scorsa primavera era saltato. Prepariamoci allora ad un weekend in compagnia di circa 200 bancarelle dislocate tra largo Costituente, piazza Martiri, piazza Puccini, via Rosselli, via Coccia e Viale Turati. Naturalmente in un’area controllata e sicura.