Archivio di 12 Settembre 2019

Al MAC di Vercelli tornano le Giornate Europee del Patrimonio

Sabato 21 e domenica 22 settembre 2019 tornano, nei musei e nei luoghi della cultura di tutta Italia, le Giornate Europee del Patrimonio (GEP), che quest’anno avranno come titolo “Un due tre… Arte! – Cultura e intrattenimento”. Per l’occasione, quindi, il MAC – Museo Archeologico della Città di Vercelli organizza per Sabato 21 settembre alle 17.30, presso la sede di C.so Libertà 300, la conferenza dal titolo Il vano desiderio: la musica greco-romana fra censimenti, ricostruzioni e immaginario a cura di Daniele Boschetto, collaboratore dell’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte che attraverso il suo intervento illustrerà il concetto di “censimento” delle fonti musicali e alcune iniziative promosse dall’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte. In un secondo momento, la trattazione giungerà alla presentazione delle fonti musicali nel mondo greco-romano, partendo proprio dai reperti del MAC e proponendo alcuni esempi, per chiudere con una più ampia riflessione sulle idee che noi “moderni” abbiamo elaborato intorno alla musica greco-romana, sulla sua influenza e, più in generale, sul senso di una ricerca segnata da una mancanza irrimediabile. Ingresso libero fino ad esaurimento posti. Daniele Boschetto è nato a Vercelli nel 1979. Laureato in lettere presso l’Università degli Studi del Piemonte Orientale, ha effettuato studi sulla musica a Vercelli e in Valsesia in età moderna e sulla librettistica rossiniana, in particolare su Luigi Balocchi, librettista vercellese collaboratore di Rossini a Parigi. Dal 2015 collabora con l’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte alla realizzazione del censimento delle fonti musicali nella provincia di Vercelli. È insegnante di lettere nelle scuole superiori. Per info: macvercelli@gmail.com; Tel.: 0161-649306; 3483272584

Lilt Biella promuove “L’Angolo della Prevenzione”

Fare prevenzione in sala d’attesa e informare sui corretti stili di vita: è questo l’obiettivo del progetto “L’Angolo della Prevenzione“, creato da LILT Biella per portare la prevenzione all’interno degli ambulatori di medicina generale di Biella e provincia. Un progetto che vede la collaborazione e il coinvolgimento di tante realtà profit e non profit del territorio e di ben 24 ambulatori di medicina generale.
L’Angolo della Salute nasce con l’intento di proporre ai cittadini la possibilità di impiegare in maniera utile, facendo appunto prevenzione, il tempo di attesa all’interno della sale di attesa degli ambulatori medici” – commenta Francesco Rossetti, responsabile del progetto. In 24 ambulatori medici di medicina generale (di cui 14 a Biella, 5 in Valle Elvo e 5 in Valdilana) sarà infatti possibile informarsi sui servizi di prevenzione di Spazio LILT e, allo stesso tempo, compilare un test sui corretti stili di vita a cui sarà data una risposta personalizzata dal personale medico di LILT Biella. “L’Angolo della Prevenzione è un progetto che vuole rispondere alla mission di LILT Biella raggiungendo le persone anche in territori fisicamente distanti da Spazio LILT e in un ambiente di quotidianità quale l’ambulatorio medico – prosegue Francesco Rossetti – Lo abbiamo potuto realizzare in primis grazie alla disponibilità di ASL Biella e alla partnership con tante realtà profit e non profit del territorio biellese“. L’Angolo della Prevenzione è infatti anche un progetto di rete, che vede collaborare insieme per la lotta contro il cancro aziende, associazioni e cooperative sociali. “L’Angolo della Prevenzione non è solo il nome del nuovo progetto di LILT Biella. E’ un vero e proprio “luogo fisico” che contiene il materiale informativo sulle attività di Spazio LILT e i questionari che possono essere compilati e imbucati in busta chiusa. L’Angolo della Prevenzione è il risultato di tante sinergie del territorio – conclude Francesco Rossetti – e rappresenta, allo stesso tempo, l’inizio di nuove collaborazioni tra diverse realtà finalizzate ad ampliare il progetto stesso e a promuovere sempre più attività nel campo della prevenzione. LILT Biella, per esempio, si è impegnata nell’arco del progetto a svolgere brevi lezioni sui corretti stili di vita su temi come l’alimentazione, il consumo di alcool e fumo e l’attività fisica, ai beneficiari del progetto SPRAR“. Oltre al dispenser ligneo è stato predisposto un dispenser cartaceo per tutti gli ambulatori che non hanno spazi adeguati ad accogliere una struttura in legno. In entrambe le tipologie di dispenser, per chi volesse sostenere le attività di LILT Biella, è possibile trovare un bollettino finalizzato al funzionamento degli ambulatori. Non resta che rispondere all’appello del nuovo progetto di LILT Biella, volto a promuovere un atteggiamento proattivo sul tema della prevenzione. “Non rimanere in attesa…AGISCI CONTRO IL TUMORE! Informati sui servizi di prevenzione e sostienili con una donazione!”: così recita e promuove il messaggio dell’Angolo della Prevenzione.