Rincorrendo la solidarietà (Immagine da newsbiella.it)

Sono stati più di 150 gli atleti che hanno partecipato alla decima edizione di “Una corsa per la Vita“, gara podistica non competitiva organizzata dal Gruppo di Volontariato Vincenziano S. G. Bosco di Verrone, Benna, Massazza, Villanova che, anche quest’anno, ha voluto destinare tutti i fondi raccolti a LILT Biella e all’ambulatorio di Esercizio Fisico Adattato di Spazio LILT. Un sostegno e un aiuto dedicato a un ambulatorio davvero speciale che, attraverso lo sport, migliora la qualità della vita delle persone che sono sopravvissute al cancro o che hanno malattie cronico-degenerative. “L’Esercizio Fisico Adattato è specifico per l’età e le condizioni di salute di ciascuno – commenta Ylenia Sacco, Responsabile Settore Ricerca e Innovazione –  L’incremento dell’attività fisica, individualmente dosata e somministrata, facilita infatti l’acquisizione di uno stile di vita più attivo e indipendente. Determina il miglioramento delle capacità fisico-funzionali (in generale e in particolare in ex malati oncologici) quali la capacità aerobica e la forza muscolare (per esempio, un obiettivo è quello di riuscire a fare le attività quotidiane senza stancarsi), la mobilità articolare e la flessibilità (avere maggiore scioltezza in spalle, schiena, ginocchia) e l’incremento dell’equilibrio soprattutto per soggetti di età superiore ai 65 anni che hanno un aumentato rischio di cadute. Stiamo realizzando altre due palestre in Spazio LILT per incrementare un servizio che ci viene sempre più richiesto e proprio per questo vogliamo ringraziare il Gruppo Vincenziano S.G. Bosco: la cifra raccolta e donata a LILT Biella si trasformerà in un’opportunità di miglioramento della vita di tante persone che sono sopravvissute al cancro“.