Informazione | Approfondimento | Sport in diretta | Musica | Intrattenimento

Un inedito di don Cesare Massa

Sono passati poco più di tre anni dalla morte di don Cesare Massa, ma la memoria della sua figura, dei suoi insegnamenti, della sua capacità di coniugare il messaggio evangelico con la quotidianità e il contesto sociale contemporaneo, resta intatta. E ciò anche grazie alla sezione vercellese del Meic (il Movimento ecclesiale di impegno culturale) che non si è limitato ad assumere il nome di don Cesare nel suo logo, ma ha costantemente, in questi oltre tre anni, tratto ispirazione dall’eredità spirituale del suo fondatore per esplorare territori sempre nuovi di analisi, approfondimento e crescita culturale. In questo periodo dell’anno che ci introduce al Natale, così fortemente segnato da una pandemia mondiale che sembra aver spazzato via le fragili certezze delle nostre società globalizzate e multimediali, il Meic attinge ancora una volta al lavoro di don Cesare, recuperando e dando alle stampe uno dei suoi manoscritti ordinato in un agile libretto, edito da Publycom Editore, dal titolo significativo e “programmatico”: Visita la mia terra (diario d’Avvento). “Abbiamo trovato questo testo tra le carte ordinatissime di don Cesare – spiegano i curatori del libro Maurizio Ambrosini, Marilena Fonsatti e don Maurizio Galazzo – Parlando di sé, scrive che si stava avviando ai cinquant’anni… Questo Diario mantiene però intatta la sua freschezza e attualità. Sembra scritto per questo Natale. Vi troviamo l’inconfondibile stile di don Cesare, l’intreccio tra spiritualità profonda e attenzione minuta alle persone, la capacità di presentare i grandi misteri della fede e quella di riflettere sulle cronache del nostro tempo. Abbiamo editato questa sua “raccolta di pensieri” proprio ora, perché questo testo oltre a contenere parole capaci di suscitare nell’animo dei lettori la speranza dell’Avvento e la gioia del Natale, che in quest’anno particolarmente difficile sono più sentite che mai, con la sua vendita sosterrà un’iniziativa benefica rivolta ai giovani e al mondo della scuola”. Affascinante ed emozionante anche la scelta grafica di utilizzare le note scritte di suo pugno da don Cesare per la copertina e per la scansione dei capitoletti: la calligrafia è uno dei segni distintivi di ciascuno di noi, come il timbro della voce, i lineamenti del volto, il colore degli occhi… quei tratti di penna vergati con lo stile inconfondibile di don Cesare ce lo rendono ancora più vicino e “vivo”. I proventi derivati dalla vendita del libro saranno destinati a finanziare una raccolta fondi che consiste nel fornire gratuitamente i “tablet” necessari a tutti quegli studenti delle scuole elementari e medie, che non hanno potuto fruire della didattica a distanza. Perché nessun bambino o ragazzo in età scolare durante questo secondo lockdown debba sentirsi escluso.

Un webinar per scoprire il proprio talento

Tra arte e scienza alla scoperta del tuo talento”: è il titolo del webinar gratuito al quale vi invita ReShape. L’appuntamento è martedì 1 dicembre 2020 su Facebook tra le 17 e le 18. Partecipano Anna Zegna (presidente della Fondazione Zegna che coordina le attività di promozione e sviluppo dell’Oasi Zegna) ed Emiliano Toso (biologo, pianista e compositore di melodie a 432 Hz e hanno effetti benefici sulle cellule del nostro corpo). Reshape è un progetto nato dalla collaborazione tra Fondazione Zegna e il consorzio sociale Il Filo da Tessere di Biella e si occupa di educazione, istruzione e formazione dei giovani contro il rischio di esclusione sociale e scivolamento nella condizione di Neet (not in Education, Employment or Training). Per iscriversi al webinar del primo dicembre è sufficiente inviare una mail a centrodiorientamento@ilfilodatessere.com

Nel “cuore” di Città Studi Biella

Città Studi Biella in collaborazione con SITA Academy organizza un corso BLSD della durata di 5 ore (2 ore se abbinato al corso di Primo Soccorso) previsto per il 14 dicembre 2020. Le lezioni si terranno dalle ore 9.00 alle ore 14.00 in presenza. Il corso BLSD (Basic Life Support Defibrillation – Supporto di Base alla Vita e Defibrillazione) e PBLSD (Pediatric Basic Life Support Defibrillation), ha l’obiettivo di aumentare significativamente le probabilità di sopravvivenza delle persone che vanno in arresto cardiaco. Durante la giornata verranno fornite le nozioni di cultura del soccorso e le importantissime manovre che possono fare la differenza tra la vita e la morte di una persona attraverso l’uso del Defibrillatore Semiautomatico Esterno (DAE). L’arresto cardiaco improvviso è una delle principali cause di morte in Europa e per questo motivo il Primo Soccorso non è più una prerogativa esclusiva degli operatori sanitari. La figura del Soccorritore Laico (operatore non-sanitario) ha assunto una maggiore importanza rispetto al passato, in quanto può praticare manovre salvavita in attesa di un mezzo di soccorso. Di conseguenza il corso proposto è di fondamentale interesse per chiunque operi a stretto contatto con il pubblico anche al di fuori dell’ambito lavorativo, ad esempio per chi fa parte di associazioni e società sportive, anche dilettantistiche o di volontariato.Durante le ore di lezione verranno anche affrontate le manovre di disostruzione delle vie aeree (ostruzione da corpo estraneo) e l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico anche in ambito pediatrico.L’emergenza pediatrica è un evento clinicamente raro e ad alto rischio accompagnata da una componente emotiva molto rilevante, che non riguarda solo gli operatori che la gestiscono, ma anche le persone che si trovano coinvolte direttamente nella sfortunata circostanza, come ad esempio i genitori o gli insegnanti. Essere preparati sulle manovre di Pbls-d (Pediatric Basic Life Support – Defibrillation) è indispensabile ai fini di aiutare il bambino a riprendersi o comunque a limitare le conseguenze dell’arresto respiratorio e/o cardiaco. I corsi sono aperti a tutti, personale laico anche senza alcuna formazione sanitaria, incaricati al primo soccorso aziendale o presso centri sportivi, soccorritori, medici e infermieri. L’età minima per partecipare al corso è di 16 anni e l’autorizzazione all’utilizzo ha valenza dal compimento del diciottesimo anno di età. Il corpo docente sarà composto da personale medico. Ad ogni partecipante verrà fornito un kit e rilasciato, al termine della giornata, un attestato valido sul territorio nazionale. Il programma dettagliato dei singoli corsi del “Primo Soccorso” è visionabile sul sito di Città Studi (https://www.cittastudi.org/primo-soccorso).